K.F.R è la creatura dell’artista parigino Maxime Taccardi, musicista e pittore davvero particolare, in grado di regalarci dischi ed illustrazioni disturbanti ed intrisi di un alone occulto ed esoterico. La Purity Through Fire di recente ha pubblicato gli ultimi lavori di questo progetto, “Démonologue” e “L’Enfer À Sa Source”, usciti in contemporanea e rappresentanti un autentico ed allucinato viaggio tra incubi ed evocazioni demoniache. L’occasione è dunque ghiotta per andare scambiare quattro chiacchere con Monsieur Taccardi e scoprire l’universo musicale e concettuale che ruota attorno a K.F.R e agli altri suoi progetti musicali e non solo.

ENGLISH VERSION BELOW

Parlami del tuo lavoro come pittore e creatore di copertine. È vero che dipingi quadri con il tuo stesso sangue? Come esprimi la tua arte attraverso le tue copertine e i tuoi dipinti?

Ciao, prima di tutto, grazie per questa intervista. Vedo l’arte nel suo insieme, nel senso che include diversi mezzi per trasmettere una sorta di sinestesia, un’arte totale come Wagner la chiamò “Gesamtkunstwerk”. Sono sempre stato affascinato da questo concetto e anche dall’opera di Scriabine con il suo “Prometeo, la poesia del fuoco” in cui intendeva creare uno strumento in grado di trasmettere a tutti i sensi contemporaneamente. Quindi, provo a sperimentare ogni espressione artistica, pittura, musica, video ecc … Per quanto riguarda il sangue, volevo aggiungere un po ‘di me stesso al mio lavoro, per dare loro la vita in un certo senso. È un rituale, taglio il mio polso e uso il pennello direttamente sulla ferita, che simboleggia una porta tra questo mondo mortale e l’aldilà.

Il concetto di “gesamtkunstwerk” è fondamentale per il tuo lavoro. Qual è la “opera d’arte totale” per te? Come esprimi questo concetto attraverso i tuoi quadri e la tua musica?

La mia musica è la traduzione sonora dei miei quadri, le loro urla si trasformano in suoni. Non penso che l’arte debba essere solo piacevole e avere il solo scopo di decorare o illustrare. Ha un significato più profondo, per far pensare alle persone, che piaccia o no, le fa muovere, è una testimonianza di un’epoca, del modo in cui la percepiamo, di ciò che denunciamo. È anche una catarsi, un bisogno, non ci penso nemmeno, viene solo da me e devo lasciarlo andare, per far fronte al mio rapporto con il mondo.

K.F.R deriva dalla parola araba Kāfir, cioè “infedele”. In che senso e da quale prospettiva ti senti un “infedele”?

È la parola incisa sulla fronte di Dajjal, l’anticristo nell’Islam, sono sempre stato affascinato da questa storia e poiché la mia musica è l’espressione di tutto ciò che è malvagio, ho pensato che non ci fosse un nome migliore per questo. L’apice del mio lavoro attraverso K.F.R è “Démonologue” che è uscito quest’anno tramite Purity Through Fire. Questo album è come un’invocazione basata sul dizionario infernale di Jacques Collin de Plancy. Ho illustrato i demoni collegati a K.F.R in un libro che pubblicherò presto. Ho scritto queste poesie in francese e quando sono suonate o lette, possono essere viste come una convocazione dei suddetti demoni. È l’album più oscuro di K.F.R e sicuramente non è pensato per tutti, non seguo nessuna regola se non la mia, non mi interessa nessuna tendenza in questa scena, faccio quello che voglio ascoltare, ciò che sento e ciò che gli spiriti mi incoraggiano a fare. Vedo l’arte in generale come l’ha definita Platone, una manifestazione della divinità attraverso gli uomini, artisti usati come strumenti.

Com’è nata la tua collaborazione con Meyhna’ch dei Mütiilation e Vordb dei Belkètre? L’esperienza delle Black Legions ha influenzato la tua musica e la tua espressione artistica?

Siamo amici da molto tempo, soprattutto con Meyhna’ch che, oltre alla sua partecipazione a due album di K.F.R, ovvero “Anti” e per la cover dei Mutiilation su “Ad Manifestationem Diaboli”, canta anche sul prossimo album del mio progetto black metal d’avanguardia Griiim , ecco il video delle canzoni in cui canta:

Vordb era davvero entusiasta di partecipare all’album “Zero”, abbiamo scritto insieme una canzone in modo che non fosse solo un’apparizione ma più un’unione di forze. Rispetto il loro lavoro e la scena LLN in generale ed è sempre stata una grande fonte di ispirazione per me. Ho anche in programma un altro progetto con Meyhna’ch e un altro nostro amico per il prossimo futuro, ma nulla è ancora deciso.

Perché hai deciso di pubblicare due album contemporaneamente?

Probabilmente non è una buona idea in termini di capitalismo e vendite, ma a chi importa, li ho registrati uno dopo l’altro e poiché sono così diversi, non avrebbero potuto essere pubblicati in un doppio album.

“Démonologue” è una manifestazione della lotta contro i tuoi demoni interiori e un’evocazione di entità demoniache ispirate al “Dictionnaire Infernal”. Parlami del concept di questo album…

Come ho già detto sopra, lo vedo come una convocazione di demoni legati a K.F.R: Beelzebub, Buer, Asmodee, Azazel, Abaddon e Lucifero. I testi che ho scritto sono invocazioni e descrivono ognuno di loro, le loro capacità e poteri.

C’è un demone particolare con cui identifichi la tua arte?

Lucifero perchè rappresenta la libertà, la volontà di essere al di sopra di qualsiasi legge, di non sottomettersi a nessuno, nemmeno al tuo stesso creatore. Questo è ciò con cui mi identifico, nessuno deve dirmi cosa fare o dire, e questo sta diventando più difficile in una società come quella in cui viviamo. Le persone dovrebbero difendersi da sole e non sottomettersi mai. Quando si renderanno conto di poter essere il loro “DIO” senza seguire alcun libro, inizieranno ad accrescere il loro potenziale.

Da dove viene il tuo interesse per l’occultismo e la demonologia?

Sono sempre stato affascinato dal lato oscuro delle cose, da bambino ero più interessato ai demoni e ai mostri che a qualsiasi altra cosa, quindi immagino che derivi da qui e che si sia approfondito dentro di me nel corso degli anni.

La copertina di “L’Enfer À Sa Source” è una sorta di autoritratto?

Sì, proprio come in “Par Le Sang” e “Zero”, quegli album hanno liriche molto personali, quindi aveva più senso fare un autoritratto per le loro copertine.

“L’Enfer, C’Est Toi”: cosa significa questa frase? Hai in qualche modo preso ispirazione dal pensiero di Sartre per esprimere l’assoluta incomunicabilità tra le persone, che ci condanna alla solitudine e quindi alla dannazione già su questa terra?

Esatto, si basa su quella famosa citazione di Sartre, “L’enfer c’est les autres”, l’inferno sono gli altri. Semanticamente, è un concetto sull’Inferno come entità fisica e metafisica, una proiezione mentale della mia mente e ciò che gli altri potrebbero percepirne – l’idea che l’Inferno sia l’incarnazione del nulla e un ritorno a ciò che precede l’esistenza. Fa eco al lavoro di Schopenhauer, Bataille e Sartre: la morte è un ritorno a quello stato, non la fine in sé. Forse è un nuovo inizio, perpetuo e ciclico, una spirale infernale: “Inferno”, sei tu. “Forse tu che mi condanni hai una paura maggiore di me che sono condannato.” – Giordano Bruno.

La morte sembra avvolgere completamente la tua musica e la tua arte. Perché?

La morte è diventata l’argomento principale della mia arte quando entrambi i miei genitori sono morti di cancro più di 10 anni fa. L’arte è stata la mia strada per affrontarla. Prima di questo, diciamo che era insipida, ho trovato il mio stile quando sono morti, nel modo più ironico possibile.

Le note di presentazione di “L’Enfer À Sa Source” dicono che hai usato ossa umane per batteria. È vero?

Sì, in tutti gli album da “Ad Manifestation Diaboli”, nel mio lavoro con Lamentum (progetto dungeon synth / neo folk) e anche in Necröse con l’album “NKHR”. Suono la batteria usando i femori umani, un modo per portare la morte nella mia musica, nel senso di un rituale.

Necröse:

Lamentum:

La tua musica è molto criptica e angosciante. Quali sensazioni vuoi suscitare nel tuo ascoltatore? È un modo per reagire a un mondo che ritieni frustrante e insoddisfacente?

Suono solo quello che voglio sentire, la “musica oscura” spesso non è così oscura, a dire il vero, quindi con i miei progetti la prendo sul serio e cerco di creare un tipo di oscurità il più grezzo e inquietante possibile.

Come è nata la collaborazione con Purity Through Fire?

Ho iniziato a lavorare con Marco e la sua grande etichetta per alcuni artworks per diversi progetti e quando è venuta l’idea di rilasciare musica attraverso la sua etichetta, non potevo sperare di meglio, è profondamente onesto e si è messo all’opera per darmi la migliore qualità possibile e, soprattutto, non gli importa delle tendenze e rilascia ciò che gli piace davvero. Una delle migliori etichette della scena, e di gran lunga.

Ho visto su YouTube i tuoi video, molto oscuri e decadenti, di “La Chute” e “L’Enfer A Sa Source”. Vuoi parlarmene?

Mi piace dirigere i film, è un modo perfetto per esprimermi, posso essere non convenzionale come si conivene. Per il prossimo album dei Griiim, ho diretto un intero film sperimentale diviso in 12 parti che viene fornito con il digipack come dvd. È un modo per dare un’altra dimensione alla musica, sono un fan dei film muti come “L’Inferno” del 1911 che rappresenta la Divina Commedia e in particolare la discesa di Dante all’inferno, “Nosferatu” e “Faust” di Murnau o “Das Cabinet des Dr. Caligari” di Robert Wiene. All’epoca erano in grado di raccontare storie senza avere la tecnologia di oggi ed era più genuino di tutte quelle stronzate di supereroi che escono da Hollywood. Non capisco nemmeno come la gente possa apprezzare questo e parlare male dei film più vecchi come quelli o quelli della Hammer per esempio.

A proposito di video: so che hai avuto problemi con la censura…

La censura è una piaga, è come la gestapo dell’età moderna, ora le persone ti segnalano sui social media, persino i tuoi stessi amici e familiari, quanto è patetico? Continuo a ricevere avvisi da fb e ig su persone preoccupate per me e il mio stato mentale, che cazzo? Le persone dovrebbero togliersi le dita dal culo sporco e prendersi cura della propria stupida vita. Tentano di censurare l’arte mentre lasciano che il mondo si trasformi in merda, fottendoli tutti.

Pensi che il black metal debba rimanere nell’oscurità dell’underground o che le band black metal possano in qualche modo offrire la loro arte a un pubblico più vasto?

Immagino che abbiamo già raggiunto quel punto, ora vedi bambini alla moda che indossano magliette di Burzum e Mayhem… Questo non toglie qualità alla musica, voglio dire quando la musica è così buona, ovviamente raggiungerà sempre più persone nel corso degli anni. L’obiettivo originale ora è un po’ di nostalgia, portato avanti da alcuni avventurieri che dicono stronzate su internet e forum o da veri musicisti appassionati. Per me, fintanto che lo fai per te stesso, non dovresti nemmeno porti questo tipo di domanda, nel profondo, so chi sono e perché faccio tutto ciò, ciò che la gente pensa di me o della mia arte non importa, muoiono tutti comunque, l’arte sopravvive.

Ti sei mai esibito dal vivo? Pensi che lo farai?

Non l’ho mai fatto con K.F.R ma se lo farò un giorno, sarà un’esibizione più che uno spettacolo metal, con rituali d’arte e in un luogo dove c’è una vera comunione tra la musica e il messaggio. Qualcosa di più simile all’idea della tragedia di Antonin Artaud.

Sei anche coinvolto nel progetto Griiim, di cui deve essere pubblicato il nuovo album, con il quale sperimenterai un approccio diverso e generi diversi come electro e hip hop. Vuoi parlarmene? Quanto è importante per un musicista passare attraverso vari generi senza essere troppo etichettato?

Con Griiim tendo a esplorare diversi tipi di musica, ma cercando sempre di restare il più oscuro possibile e con “Pope Art”, il nuovo album, penso di essere riuscito a farlo. È ancora principalmente black metal ma con molte influenze diverse, è qualcosa di diverso e se le persone che apprezzano le arti oscure hanno una mentalità abbastanza aperta, potrebbero apprezzarlo come unico nel suo genere. Inoltre, non ricordo nessun altro album black metal uscito contemporaneamente con un film. https://shop.purity-through-fire.com/en/griiim-pope-art-cd-pro-dvdr-digipak-pre-order.html

Ti lascio le ultime parole. Finisci come credi…

Vorrei solo ringraziarvi per l’opportunità di esprimermi e anche ringraziare coloro che apprezzano la mia arte e musica.

ENGLISH VERSION

Tell me about your work as a painter and creator of covers. Is it true that you paint pictures with your own blood? How do you express your art through your covers and your paintings?

Hi, first of all, thank you for this interview. I see art as a whole, meaning it includes different mediums to convey some sort of synesthesia, a total art as Wagner named it “Gesamtkunstwerk”. I’ve always been fascinated by his concept and also the work of Scriabine with his “Prometheus, the poem of fire” in which he planed to create an instrument able to convey all senses at once. Hence why, I try to experiment every art expressions, painting, music, video etc… As for the blood, I wanted to add some of myself to my work, to give them life in a way. It is a ritual, I cut my wrist and use the brush directly onto the wound. That wound symbolises a door between this mortal world and the beyond.

The concept of “gesamtkunstwerk” is central to your work. What is the “total art work” for you? How do you express this concept through your paintings and your music?

My music is the the sonic translation of my paintings, their screams put into sounds. I don’t think art is meant to just be pleasant and decorate or illustrate in the first sense of it. It has a deeper meaning, to make people think, whether they like it or not, it mooves them, it is a testimony of an era, the way we perceive it, what we denounce about it. It is also a catharsis, an urge, I don’t even think of it, it just comes to me and I have to let it go, to cope with my relation with the world.

K.F.R comes from the arabic word Kāfir, i.e. “unfaithful”. In what sense and from what perspective do you feel a“unfaithful”?

It is the word inscribed on Dajjal’s forehead, the antichrist in Islam, I’ve always been fascinated by this story and since my music is the expression of all that is evil, I thought there was no better name for it. The pinnacle of my work through K.F.R is “Démonologue” who came out this year via Purity Through Fire. This album is like an invocation based on the infernal dictionary by Jacques Collin de Plancy. I illustrated the demons that are linked to K.F.R in a book I will published soon. I wrote these poems in french and when they are played or read, they can be seen as a summoning of the aforementioned demons. It is the darkest album of K.F.R and definitely not meant for everyone, I don’t follow any rule but mine, I don’t care about any trend in this scene, I do what i want to hear, what I feel and what spirits encourage me to do. I see art in general as what Plato said, a manifestation of gods through humans, artists being used as tools.

How was born your collaboration with Meyhna’ch of Mütiilation and Vordb of Belkètre? Has the experience of Black Legions influenced your music and artistic expression?

We’ve been friends for a long time, especially with Meyhna’ch and outside his participation in two albums of K.F.R, namely “Anti” and for the Mutiilation cover on “Ad Manifestationem Diaboli”, he also sings on the upcoming album of my avant garde black metal project Griiim, here is the video of the songs in which he sings : https://www.youtube.com/watch?v=4fjKVuUkrVs

Vordb was really excited to participate in the album “Zero”, we cowrote a song together so that wasn’t just an apparition but more a union of forces. I respect their work and the LLN scene in general and it always had been a great source of inspiration to me. I also plan to have another project with Meyhna’ch and another friend of ours for the near future but nothing is settled yet.

Why did you decide to release two albums at the same time?

It is probably not a good idea in term or capitalism and sales but who cares, I recorded them one after the other and since they are so different, they could not have been released as one double album.

“Démonologue” is a manifestation of the struggle against your inner demons and an evocation of demonic entities inspired by “Dictionnaire Infernal”. Tell me about the concept of this album…

Like I mentionned it above, I see it as a summoning of demons related to K.F.R : Beelzebub, Buer, Asmodee, Azazel, Abaddon and Lucifer. The texts I wrote for it are invocations and they described each one of them, their abilities and powers.

Is there a particular demon with whom you identify your art?

Lucifer as he represents freedom, the will to be be above any law, to not submit to anyone, even your own creator. That is what I aknowledge myself with, nobody to tell me what to do or say, and this is becoming harder in a society like the one we live in. People should stand up for themselves and never submit. Once they realise they can be their own “GOD” and not follow any book for that matter, they’ll start to grow their potential.

Where does your interest in occultism and demonology come from?

I’ve always been fascinated by the dark side of things, as a kid, I was more into demons and monsters than anything else so I guess it comes from that and it grew deeper on me over the years.

The cover of “L’Enfer À Sa Source” is it a sort of self-portrait?

Yes it is, just like “Par Le Sang” and “Zero” are, those albums deal with a personal level lyrically so it made more sense to do a self-portrait for their covers.

“L’Enfer, C’Est Toi”: what does this phrase mean? Have you in any way taken inspiration from Sartre’s thought to express the absolute incommunicability between people, which condemns us to loneliness and therefore to damnation already on this earth?

Exactly, it is based on that famous quote by Sartre, “L’enfer c’est les autres”, hell is others. Semantically, it is a concept about Hell as a physical and metaphysical entity, a mental projection of my mind and what others would perceive of it – the idea of Hell being the incarnation of nothingness and a return to what precedes existence. It echoes the work of Schopenhauer, Bataille, and Sartre: death is a return to that state, not an end in itself. Maybe it is a new beginning, a perpetual and cyclic one, an infernal spiral: “HELL,” it’s you. “Maybe you who condemn me are in greater fear than I who am condemned.” – Giordano Bruno.

Death seems to completely envelop your music and your art. Why?

Death became the main subject in my art when both my parents died from cancer over 10 years ago. Art has been my way to cope with it. Before that, let’s say it was bland, I found my style when they died as ironical as it can be.

The presentation notes of “L’Enfer À Sa Source” say you used human bones for drums. Is this true?

Yes all albums since Ad Manifestation Diaboli, my work in Lamentum (Dungeon synth/neo folk project) and also Necröse with the album NKHR. I play drums using human femurs, a way to bear death on my music, in a sense of a ritual.

Necröse : https://www.youtube.com/watch?v=SAok2IEn6GI

Lamentum : https://www.youtube.com/watch?v=K9hruiCQiRE

Your music is very cryptic and distressing. What sensations do you want to arouse in your listener? Is this a way to react to a world that you consider frustrating and unsatisfactory?

I just play what I want to hear, “dark music” is often not that dark to be honest so with my stuff, I take that seriously and try to bring a type of darkness as crude and unsettling as possible.

How did the collaboration with Purity Through Fire come about?

I started to work with Marco and his great label with some artworks for different projects and then the idea of releasing music through his banner came along, I could not hope for any better label, he is deeply honest and put himself out there to bring the best quality as possible, and most of all, he does not care about trends and release what he really likes. One of the best labels of the scene, and by far.

I saw on youtube your videos, very dark and decadent, of “La Chute” and “L’Enfer A Sa Source”. You want to tell me about it?

I like to direct films, it is a perfect way to express myself, I can be as unconventional as it gets. For the upcoming Griiim album, I directed a whole experimental movie divided in 12 parts that comes with the digipack as a dvd. It is a way to give another dimension to the music, I’m a fan of silent movies like “L’inferno” from 1911 depicting the divine comedy and especially the descent of Dante to hell, “Nosferatu” and “Faust” from Murnau or “Das Cabinet des Dr. Caligari” from Robert Wiene. Back then they were able to tell stories without having today’s technology and it was more genuine than any of that super heroes crap coming out from Hollywood. I don’t even understand how people can enjoy this and talk shit on older movies like that or the Hammer ones for example.

Speaking of videos: I know you had problems with censorship…

Censorship is a plague, it is like the gestapo of modern age, now people report you on social media, even your own friends and family, how pathetic is that ? I keep receiving warnings from fb and ig about people concerned about me and my mental state, what the fuck ? People should get their fingers out of their dirty ass and care abour their own stupid life. They try to censor art while they let the world turn into shit, fuck them all.

Do you think black metal should remain in the darkness of the underground or can black metal bands offer somehow their art to a larger audience?

I guess we already reached that point, now you see hot topic kids wearing Burzum and Mayhem shirts… It does not take away the quality of the music, i mean when music is that good, of course it is gonna reach more and more people over the years. The original goal is now some nostalgy carried one either by some lowlives talking shit on internet and forums or by true dedicated musicians. To me as long as you do it for yourself, you should not even wonder about this type of question, deep down inside, I know who I am and why I do all that for, what people think of me or my art does not matter, they all die anyway, art lives on.

Have you ever performed live? Do you think you will?

I never did with K.F.R but if I do someday, it will be a performance more than a metal show, with art rituals and in a place where there is a real communion between the music and the message. Something more like the idea of tragedy by Antonin Artaud.

You are also involved in the project Griiim, of which the new album must be released, with which you will experience a different approach and different genres such as electro and hip hop. Do you want to tell me about it? How important is it for a musician to go through various genres without being too much labeled?

With Griiim, I tend to explore different types of music but with the whole thing remaining as dark as possible and with “Pope Art”, the new album, I think i managed to do that. It is still mainly black metal but with a lot of different influences, it is something different and if people who appreciate dark arts are open minded enough, they might appreciate this as it unique in its own way. Besides, i don’t recall any other black metal album coming out with a movie at the same time. https://shop.purity-through-fire.com/en/griiim-pope-art-cd-pro-dvdr-digipak-pre-order.html

I leave the last words to you. Finish as you please…

I just would like to thank you for the opportunity to speak my mind and also to thank the ones who appreciate my art and music.