Nyctophilia – Dwelling In The Fullmoon Light

0
506

Nyctophilia (letteralmente amore per l’oscurità della notte) è una one man band polacca attiva dal 2014 e dedita a un black metal di stampo depressivo e atmosferico, dietro la quale si nasconde il cantante e polistrumentista Grief, già membro di altri progetti come Na Dnie e Baphometic Deathslaught, il primo affine per sonorità a Nyctophilia, il secondo improntato invece a un black/death metal devastante e decisamente old school. Come spesso accade per i progetti solisti di questo tipo anche il nostro amico amante del buio sembra essere molto produttivo (forse troppo), tanto che nell’arco di pochi anni è giunto alla seconda fatica sulla lunga distanza, appunto questo “Dwelling In The Fullmoon Light”, e oltre al primo full lenght (“Forever Bonded In Suffering” del 2016) ha già pubblicato una decina tra split, ep e demo. Benché il concept paia ispirato da tematiche leggermente diverse rispetto ai luoghi comuni del genere d’elezione, come ad esempio l’immedesimazione totale nella natura (insomma, niente suicidi e depressione a go-go), la musica risulta in fin dei conti piuttosto canonica e aderente alle regole non scritte di un filone del black metal che, non mi stancherò mai di ripeterlo, ha probabilmente già da tempo offerto quanto di meglio aveva da offrire. Nonostante ciò il disco si lascia ascoltare piacevolmente e scorre doloroso tra atmosfere lugubri e notturne, riff vischiosi e putrescenti, qualche accelerazione colma di rabbia e sprazzi ambientali abbastanza azzeccati; il tutto incorniciato dal consueto screaming straziante e disperato. Nulla di particolarmente originale ma l’album nel complesso regge soprattutto grazie ad una certa variabilità ritmica e ad atmosfere sempre emotivamente intense. Piacerà specialmente agli estimatori di gruppi come Elysian Blaze, Drowning The Light, Striborg e simili. Un ascolto è comunque consigliato, anche se potrebbe restare l’unico.

REVIEW OVERVIEW
Voto
65 %
SHARE
Previous articleVenom Inc. – Pubblicano il nuovo album, “Avé”, oggi su Nuclear Blast
Next articleVerbo Nero – Verbo Nero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here