Azaghal – Perkeleen Luoma

0
92

Quarto full length per i finlandesi Azaghal, senza contare 7″ e split vari. Dopo l’altalenante “Of Beasts And Vultures” e l’inutile mcd “Kyy” (la cui unica canzone buona, “Perkeleen Kitaan”, viene riproposta qui), mi sono accostato con una certa diffidenza a questa nuova fatica dei nostri. Ma, mai come in questo caso, sono felice di essermi sbagliato. Con”Perkellen Luoma” infatti ci troviamo ad ascoltare l’album migliore del gruppo e uno dei migliori mai partoriti in Finlandia. La band ritorna alle sonorità black più marce degli esordi, imbastardite da alcune influenze thrash di sodomiana memoria. Meno evidenti si sono fatte invece le influenze di matrice norvegese, che affioravano nelle vecchie releases. In questo senso, si potrebbe parlare di evoluzione. A tratti è possibile anche sentir aleggiare lo spettro dei Beherit, il che conferisce un’atmosfera ancora più malsana alle canzoni. Il risultato finale trasuda odio da ogni traccia. Come da copione, la registrazione è sporca a livello inverosimile, ma per un prodotto del genere nessun’altra produzione sarebbe stata adatta. A rendere il tutto più malato, vi sono diverse parti in voce pulita ma non aspettatevi le clean vocals di un cantante power. La voce di Varjoerra infatti è sgraziata, disturbante, ai limiti dello stonato ma proprio per questo è più che adatta al contesto. Per tutta la durata dell’album non c’è un solo minuto di noia ed il risultato finale è il manifesto definitivo del black terror metal targato Azaghal. Da ascoltare fino a farsi sanguinare le orecchie. Un album per chi sa cos’è davvero il black metal. I tanti modaioli che sempre più infestano la scena se ne tengano alla larga; questo non è un album da scaricare e dimenticare di avere. The cult is alive!

REVIEW OVERVIEW
Voto
80 %
SHARE
Previous articleFrozen Forest – Frozen Forest
Next articleHorna / Musta Surma – Vihan Vuodet

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here