Satanel – Nato Dal Fuoco

0
314

Giungono alla loro seconda fatica sulla lunga distanza i veronesi Satanel, gruppo attivo dalla metà degli anni novanta, che annovera tra le proprie fila membri dei Death Dies ovvero Samael Von Martin alle chitarre e Demian De Saba alla batteria. “ Nato Dal Fuoco” è un buon album di classico black metal dal riffing feroce e tagliente, che trae ispirazione soprattutto dalla scuola svedese senza trascurare elementi thasheggianti e qualche passaggio dall’approccio più cadenzato e marziale. Molti sono i riferimenti ai vari Dark Funeral, Setherial e Naglfar periodo “Diabolical”, questi ultimi chiamati in causa in maniera evidente nei passaggi più melodici e avvolgenti. Non manca, come si diceva, una certa patina thrash nel songwriting, che rimanda direttamente alla tradizione tedesca, ai primi Enthroned o agli stessi Death Dies di “The Sound Of Demons”. Un disco ricco di spunti dunque, impreziosito da una produzione cruda ed essenziale che conferisce il giusto risalto al guitarwork e sottolinea in modo egregio il cantato del singer Jiehna, acido ed affilato come la lama di un rasoio. Tra gli episodi migliori del lotto, sono sicuramente da citare la title track, emblematica degli intenti del gruppo nel suo incedere furioso e devastante, e “ Marciare Sino Alla Morte E Cadere Sulla Via Dell’Onore”, breve, secca e mortale come una stilettata al cuore. Una prova di valore, che ribadisce lo stato di forma della scena nostrana (specie di quella che gode di minore esposizione mediatica), capace di sfornare bands interessanti a ripetizione. I Satanel hanno dalla loro l’esperienza, l’abilità tecnica e l’attitudine per comporre pezzi di puro, incontaminato e insano black metal. Da ascoltare.