Wømb – Taciturn

0
367

I Wømb sono un duo portoghese che evidentemente tiene molto a mantenere intorno a questo progetto musicale e agli individui che vi prendono parte il massimo riserbo ed un certo alone di mistero dal momento che non sono reperibili notizie in rete e non viene fornita alcuna informazione in merito. Il che, diciamolo, risulta iniziativa non proprio originale ma riesce sempre e comunque a far trapelare intorno al gruppo una patina di oscurità e di culto. Ad ogni modo i nostri non sembrano essere attivi da molti anni ma hanno alle spalle una discografia già piuttosto corposa, fatta di uscite in linea con la loro attitudine radicalmente underground, ovvero un paio di demo ed una manciata di split in compagnia di bands altrettanto tenebrose e misconosciute, per lo più lusitane anch’esse. Questo “Taciturn” esce in formato 7”, in edizione limitata a centocinquanta copie, sotto l’egida della connazionale Purodium Rekords e suona incredibilmente spoglio ed essenziale: poco meno di un quarto d’ora di black metal ferocissimo e minimalista in salsa esoterico-occulta, imbastardito da un piglio punk sempre in bella mostra, che si manifesta attraverso pezzi molto brevi ed acuminati, che vanno dritti al punto senza nessun fronzolo. La voglia di far male é evidente così come l’urgenza di concentrare la furia omicida e primitiva in poche note e pochi minuti. Quest’approccio folle ed iconoclasta può riportare alla mente realtà ben più blasonate come Ildjarn, Von e Vordr e ben si inserisce nell’ambito di una scena come quella raw black portoghese, che negli ultimi anni sta sfornando bands grezzissime a ripetizione, con un sound ed un concept per nulla distanti da quelli proposti dai Wømb. È perfettamente inutile citare una canzone piuttosto che un’altra, vista anche la durata decisamente contenuta di un lavoro che divampa coma una fiammata improvvisa nel buio della notte, tra ritmi serrati, strutture appena abbozzate, riffing caotico e vocals tanto scarne quanto colme di riverberi. Ma si tratta in fin dei conti di un fuoco di paglia perchè i Wømb non fanno in realtà nulla per differenziarsi in modo netto e sostanziale dai molti altri gruppi dediti a questo genere di sonorità e la loro proposta finisce inevitabilmente per perdersi nell’anonimato. La piena sufficienza è comunque raggiunta: “Taciturn” è un dischetto veloce, energico e carico di negatività, anche se destinato probabilmente soltanto ai maniaci seguaci del black più ruvido ed artigianale e ai collezionisti all’ultimo stadio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here