Nidingr – Wolf Father

0
23

Seconda uscita sulla lunga distanza per i norvegesi Nidingr (che ha però il minutaggio più di un ep che di un album), a distanza di ben cinque anni dall’esordio “Sorrow Infinite And Sadness”, che aveva destato le attenzioni positive di pubblico e critica specializzata. Questo “Wolf Father” rappresenta per chi scrive un’uscita sotto alcuni aspetti interlocutoria, nella quale i nostri proseguono il discorso iniziato nel debutto senza tuttavia riuscire ancora a dare una forma nuova e definitiva alla propria proposta musicale. Il black metal dei Nidingr è per certi versi assimilabile a quello degli ultimi Emperor o, per le atmosfere dal sapore elegantemente paganeggiante evocate dalla musica, ai Borknagar di dischi come “Quintessence” o “Empiricism”. Le composizioni, non troppo lineari ed immediate nonostante la breve durata, sono pregne di pathos tragico e di un senso della natura tipicamente nordico, cariche di suggestioni paesaggistiche ottimamente rappresentate dall’immagine raffigurata in copertina. La sezione ritmica svolge a dovere il proprio lavoro, con cambi di tempo orchestrati senza sbavature da quel professionista indiscutibile che é Hellhammer, qui all’ennesima prova sugli scudi della sua invidiabile carriera, sottolineata da una produzione moderna ma assolutamente non plastificata, che consente di apprezzare appieno le varie sfumature strumentali. Ma le vere protagoniste di questa release restano le chitarre, che tessono trame eteree e corpose nello stesso tempo, alternando riff sognanti ad altri decisamente granitici e lasciando trasudare influenze progressive e viking da ogni nota, alla maniera dei connazionali Myrkgrav (emblematica in questo senso è “Baldrs Draumar”, la canzone migliore e più ambiziosa del lotto). Siamo quindi al cospetto di un’opera che non mancherà di affascinare gli estimatori delle sonorità black/viking meno grezze e spigolose, di chi è alla ricerca di nuovi spunti come di chi è legato alla tradizione, che però non lascia intuire completamente quale direzione prenderà la band in futuro. Comunque da ascoltare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here