Grim Monolith – Intempesta Nox

0
75

Giungono alla terza fatica sulla lunga distanza i siciliani Grim Monolith con questo “Intempesta Nox”, disco autoprodotto, peraltro in modo assolutamente professionale, come i suoi due predecessori. Il presente lavoro continua il percorso musicale intrapreso dalla band nel 2007 con l’esordio autointitolato, un percorso fatto di perseveranza e dedizione alla tradizione che sta portando i nostri a farsi conoscere in ambito underground. Il black metal proposto dal combo nostrano è old school fino all’osso ed è fortemente debitore dei primi Darkthrone, con marcate influenze provenienti dalla scuola finlandese ed in particolare da gruppi come Horna, Behexen, Satanic Warmaster e Sargeist, band nei confronti della quale i Grim Monolith sembrano nutrire una particolare predilezione. Rispetto al precedente “Mooncrowned” il gruppo italiano semplifica ulteriormente, se possibile, la propria musica: i pezzi sono tutti di breve durata (3-4 minuti) e sono costruiti su up tempos molto lineari e mai troppo sostenuti, sorretti da un riffing tagliente e da melodie quasi sempre riuscite (su tutte l’iniziale “In Your Sorrow’s Mysteries” e “…Of Churchyards And Weeping Nights”). A ciò si aggiunge la buona prova vocale del singer e bassista Rog, il cui screaming demoniaco, colmo di echi e di riverberi, si erge a protagonista assoluto in molte circostanze. Il minimalismo sonoro e l’assenza di qualunque “sovrastruttura” sono indispensabili per creare quell’atmosfera macabra, notturna e lunare che è il tratto saliente di questo disco, ben rappresentata anche dalla cover che riporta un dipinto di William Adolphe Bouguereau. I Grim Monolith non sono e non saranno mai degli innovatori; il loro interesse non è sperimentare ma suonare con fedeltà insano e fottuto black metal ed in questo riescono perfettamente. Peccato che in qualche occasione si limitino ad inserire il pilota automatico ed infatti il disco mostra, soprattutto nella sua fase centrale, alcuni momenti di stanca. La sufficienza è comunque pienamente raggiunta.