The True Endless / Mephisto – Too Heavy For Hell

0
41

Veramente gustoso questo split edito dalla sempre attivissima Aphelion Productions, che vede coinvolte due tra le realtà migliori dell’underground italico. Aprono le danze i novaresi The True Endless con “The Last Days Of The Apocalypse”, a mio giudizio uno dei pezzi più riusciti del nuovo corso del gruppo, successivo all’uscita dello storico singer Astraghon, non a caso proposto spesso dai nostri in sede live: un brano cadenzato, dall’afflato quasi epico, con tanto di voce pulita nel chorus e con un riffing a metà strada tra Bathory e primi Mayhem e Marduk. Il seguente “Sor Da Luf” ha le medesime caratteristiche ma presenta un andamento più lento e sofferente. Le restanti canzoni sembrano proseguire sulla falsariga di quanto proposto nel mini “In The Swamp”, ovvero true black metal di matrice nordica, caratterizzato da un’atmosfera malsana e lovecraftiana, accentuata ancor di più da una produzione polverosa e sporca, che ricorda in qualche modo i suoni marcissimi dell’indimenticabile “Live In Leipzig”. Da segnalare per la violenza e l’impatto la furiosa “Black Flagellation”. Ottima è anche la prova dei partenopei Mephisto, alfieri di un minaccioso e ferale metal of death, graziato da un sound pesante e cavernoso, che tuttavia non disdegna improvvise accellerazioni thrasheggianti che chiamano in causa primi Venom e Sodom. La maggior abilità dei nostri consiste nel conferire ai pezzi, che pur presentano una struttura estremamente lineare, un’aura occulta che rievoca la miglior tradizione del metal estremo italiano rappresentata da gruppi come Necromass e Mortuary Drape. Le canzoni presenti in questo lavoro sono davvero una più bella dell’altra: dalla schiacciasassi “Necromantical Rites”, sorretta da un riffone portante molto heavy che non avrebbe sfigurato in qualche album dei Bolt Thrower, alla motorheadiana “Kiss Of Death”, alla marziale e bellicosa “Sturmpanzerwagen Mephisto”. In un ipotetico confronto tra le due bands, ai punti vincono di qualche lunghezza i Mephisto ma entrambi i gruppi si esprimono su livelli qualitativamente elevati, confermando le loro capacità e dimostrandosi di gran lunga più credibili e genuini di molte altre realtà italiche che godono senza ragione di maggiore visibilità.