Ad Hominem – Napalm For All

0
470

Monsieur Kaiser Wodhanaz è tornato alla ribalta e il nuovissimo album dei suoi Ad Hominem è nelle cartucciere dei blacksters più incalliti, pronto per essere sparato senza un minimo di grazia. Parliamo di cartucciere per questo “Napalm For All” perché è dinamite pura: dieci tracce guerrafondaie come nello stile degli Ad Hominem da sedici anni a questa parte, a base di black n’ roll marcio e primitivo, che si muove a passi prima goffi e poi più spediti, come un antenato con la clava e mutandoni di pelle e borchie. La ricetta del nostro caro francesino Kaiser è sempre la stessa, un black metal scanzonato e violento da party infernale, dove gli ospiti principali sono depravati, orchi, maniaci, killers, posseduti dal demonio o qualche altra divinità sumera oppure camionisti ubriaconi zombie che all’attacco della title track si uniscono a braccetto con birre in mano festeggiando qualche sacrificio umano. Le influenze punkcore/thrash impregnano ogni brano presente in questo disco come da tradizione: “Goatfucker” ti fa sbattere la testa sinché non ti si stacca dal collo e rotola in terra (e una volta staccatasi inizi a palleggiarci come un Maradona ai tempi d’oro); in “Imperial Massacre” c’è pure tempo per qualche stralcio epico da parte delle chitarre ma già nella successiva “Bomb The Earth” le coordinate tornano a essere quelle di un black metal di matrice più classica nel vero senso del termine, con influenze tipiche del punkcore più incazzato e violento.

C’è pure spazio per dichiarazioni d’amore in questi quaranta minuti scarsi di musica, con “Yuo Are My Slut”, o autocelebrazioni “I Am Love”, ma tutto si traduce pur sempre in massacro. Un plauso a parte lo si deve fare alla produzione, davvero ben bilanciata, anche se la voce risulta a tratti eccessivamente carica di effetti. Inutile appesantire una recensione con ulteriori sfaccettature di prosa, “Napalm For All” è questo, true black n’ roll nel vero senso della parola, da ascoltare senza impegno e senza pretendere primizie tecniche di qualsiasi tipo. Massacro e dedizione alla causa; il tutto suonato in maniera impeccabile con estrema cattiveria e violenza.