Nefarium – Praesidium

0
954

Mezz’ora di ferocia allo stato puro, un assalto frontale distruttivo e spietato che lascia tramortiti e completamente inermi: questa descrizione è sufficiente a tratteggiare in poche parole il debutto sulla lunga distanza per i Nefarium, band proveniente dalla Valle d’Aosta che vede la partecipazione tra le sue fila di membri di altre valide realtà italiche quali Unholy Storm e Adversam. Il gruppo di Saint Christophe fa della velocità e della violenza esplicita le proprie armi migliori e, dall’iniziale “Cumshot On The Holy Cunt” (gran titolo!), preceduta da una breve intro, fino alla conclusiva “Festering Clausura” l’ascoltatore è travolto da un vero e proprio rullo compressore sonoro che non concede un attimo di tregua. I punti di riferimento compositivi dei nostri sono piuttosto evidenti e riconducibili al filone, oggi assai meno inflazionato rispetto a qualche anno fa, del così detto war black metal. Le ritmiche serratissime caratterizzate da cascate di blast beats, il riffing tagliente e corposo, le vocals urlate e bellicose riportano immediatamente alla mente gli ultimi lavori di Marduk, Setherial e Naglfar. Senza dubbio la scuola svedese è quella alla quale i Nefarium guardano con maggiore interesse, cercando di imprimere un’impronta personale al proprio sound attraverso quel tocco melodico malsano e sinistro particolarmente caro ai Dark Funeral. In alcuni passaggi lo spettro di “Diabolis Interium” aleggia pesantemente ed è più che una semplice fonte d’ispirazione. Ciò non è necessariamente un male, ma questo eccessivo appiattimento su stilemi già noti, unito al fatto che i brani, seppur piacevoli, si somigliano molto l’un l’altro, non giova alla proposta del combo nostrano, a tratti anche troppo derivativa. Le songs sono comunque di buona fattura, come si suol dire, spaccano, e la breve durata del lavoro non fa che aumentarne la fruibilità. L’attitudine e la passione non mancano di certo a questi ragazzi e questo album è un ottimo punto di partenza per il futuro. Attendo con fiducia le loro prossime mosse.

REVIEW OVERVIEW
Voto
65 %
Previous articleUrfaust – Verraterischer, Nichtswurdiger Geist
Next articleOrewoet – Afrodisiacum Der Vroomheid
TRACKLIST <br> 1. Taedium; 2. Cumshot On The Holy Cunt; 3. To Nowhere…; 4. Roots Of Guilt; 5. Weissmatten Stone; 6. Blind Infernal Fathers; 7. Slaves Without Chains; 8. The Hangman Walk; 9. Festering Clausura <br> DURATA: 31 min. <br> ETICHETTA: Downfall Records <br> ANNO: 2005 nefarium-praesidium