Nova – Soli Contro Il Mondo

0
1999

Tre anni dopo il buon debut “Il Ritorno”, con il quale si erano affacciati sulla scena black, tornano gli italianissimi Nova al loro secondo album sempre sotto ATMF. Non nego che le attese erano alte e per fortuna sono state rispettate; l’album si snoda lungo nove tracce di pagan black metal belligerante e potente, ha come punto di partenza il precedente album ma il suono risulta elaborato ad un nuovo livello, più maturo e completo. L’album può essere virtualmente suddiviso in due parti di quattro canzoni l’una (la settima “Ad Apollo” è una strumentale di tre minuti scarsi) ed è la struttura che ho utilizzato per la recensione. Il difficile compito di opener tocca a “Guerra Per Il Firmamento” che dopo una lunga intro dal sapore folk ci abbraccia con la sua melodia e i suoi cambi di tempo, perfetta per iniziare. La seconda traccia ha un inizio diverso, quasi rockeggiante, con linee di basso molto interessanti, basso peraltro sempre ben presente e distinguibile nelle varie tracce. Ma è con le seguenti due tracce che i Nova si superano. “Pietra Della Corona Di Lucifero” e “Soli Contro Il Mondo” rappresentano probabilmente le vette dell’album come riffing, come linee vocali (ottimo il chorus di “Pietra Della Corona Di Lucifero”) e in generale come musica nel suo insieme. Per quanto riguarda la seconda parte del cd abbiamo due tracce, la quinta e la sesta, dove i nostri alzano il tiro e, insieme con la seguente “Ad Apollo”, rappresentano le canzoni più black del lotto, essendo tiratissime e violente. Nelle ultime due songs i Nova rallentano il ritmo e presentano anche elementi nuovi: l’ottava “Universo Campo Di Sterminio” ci offre un coro con voce pulita a dir poco epico ed è alla lunga una delle canzoni più riuscite; l’ultima “Terra Dei Morti” infine sorprende per la sua oscurità intrinseca, per la lentezza del suo incedere che la rende perfetta per chiudere l’album. Parlando della musica in senso stretto nei Nova si può notare una notevole maturità nel riffing rispetto al debutto, una batteria sempre in primo piano ottimamente suonata e registrata e non più mero strumento di contorno come nel debut: Unica nota stonata forse la voce ma non per la sua espressività, bensì per la sua “posizione” all’interno del tutto; essa è infatti relegata in secondo piano rispetto gli strumenti e vorrei sapere quanto è stata una scelta voluta. Peccato per l’assenza, anche questa volta, dei testi. All’interno della copia formato A5 è riportata una frase per canzone ma nessun testo completo. La scelta è senza dubbio anti commerciale ed ermetica e se come consumatore avrei voluto poter apprezzare anche i testi oltre la musica, da appassionato del genere giustifico questa scelta. Per i pochi (300) che hanno la fortuna di possedere la copia limitata A5 troverete anche una bonus track strumentale a fine disco, track che presenta elementi finora estranei alla band, riff dal sapore death melodico. Un’influenza che prima o poi vedremo nei Nova? Chissà. Nel futuro i Nova potrebbero utilizzare parti folk più spesso, senza per forza snaturare le loro canzoni; se devo essere sincero dopo la prima traccia mi sarei aspettato di trovare più spesso inserti o stacchi folk, peccato. Il giudizio rimane assolutamente positivo ed ogni critica è volta alle aspettative di cui parlavo ad inizio recensione, aspettative sì soddisfatte ma che adesso sono ulteriormente cresciute in previsione di un futuro lavoro. Se la progressione dal primo lavoro a questo secondo album è stata questa, per forza di cose adesso i Nova devono superarsi ulteriormente e integrare al meglio tutte le loro influenze per realizzare un capolavoro. Consiglio a tutti gli appassionati di black metal di dare una chance a questi ragazzi che da diversi anni stanno provando a far risollevare la scena black italiana e non solo con uscite di ottima qualità, che testimoniano un lavoro accurato. Spero per loro che il futuro sia sempre più roseo, o meglio, sempre più nero!

REVIEW OVERVIEW
Voto
85 %
Previous articleSlidhr – Demo I
Next articleManiac Butcher – Černá Krev
TRACKLIST <br> 1. Guerra Per Il Firmamento; 2. Crolla L’Empireo; 3. Pietra Della Corona Di Lucifero; 4. Soli Contro Il Mondo; 5. Pendenti Da Forche; 6. Contro Il Drago E Il Toro; 7. Ad Apollo; 8. Universo Campo Di Sterminio; 9. Terra Dei Morti <br> DURATA: 39 min. <br> ETICHETTA: Aeternitas Tenebrarum Musicae Fundamentum <br> ANNO: 2017 nova-soli-contro-il-mondo