Horna / Tenebrae In Perpetuum – Split 7”

0
597

Questo split 7”, prodotto dalla Debemur Morti, dà spazio agli Horna e ai nostrani Tenebrae In Perpetuum. I primi ormai sono ben noti nel panorama black metal: caratterizzati da un numero di uscite sicuramente sopra la media e da un sound immediatamente riconoscibile, propongono in questo split la song “Unohdetut Kasvot, Unohdettu Ääni”. Discorso diverso si può fare per i Tenebrae In Perpetuum, gruppo parallelo ai più noti Beatrik. I nostri sono portatori di una concezione di black primordiale e ferale, immersa in un sound essenziale e scarno. “Un Sogno Oscuro” è il titolo della traccia da loro registrata nel periodo compreso tra l’uscita del loro ottimo debuto “Onori Funebri Rituali” e il nuovo full length “Antico Misticismo”. Partendo nel descrivere la proposta degli Horna, devo dire che “Unohdetut Kasvot, Unohdettu Ääni”, sia a livello di sound che compositivo, si avvicina in maniera evidente al classico stile Horna direttamente riconducibile alle ultime uscite. Sonorità minimale, che mette in primissimo piano un guitar work che si dimostra epico e anche abbastanza dinamico. Sicuramente una traccia che per i suoi sette minuti di durata riesce a trasmettere la classica vena malinconica, sottolineata da leggere sfumature melodiche e riesce anche a stupire grazie all’alternanza tra la riproposizione ossessiva dello stesso giro di accordi ed una interessante parte centrale. Anche “Un Sogno Oscuro” è caratterizzata da un sound scarno e a livello compositivo è davvero molto vicina agli standard espressi in “Onori Funebri Rituali” perché probabilmente è stata scritta durante il periodo di stesura dell’album appena citato. Black primordiale e carico d’odio, strutturato su dei riff molto semplici ed efficaci. Questo split, concludendo, può essere considerato un’uscita appetibile per gli amanti del black grezzo e minimale e si può notare come i due gruppi abbiano voluto inserire dei pezzi che rapprensentano la loro forma stilistica attuale, dimostrando grande bravura nel mantenere un livello compositivo di una inaspettata dinamicità.