Throndt – Throndt

0
1259

Throndt è il solo project di un oscuro figuro rispondente al nome di Fergen Grimnir al debutto con questo omonimo cd per la neonata Ash Nazg. Si tratta del classico lavoro del quale si indovina il contenuto musicale ancora prima di aver ascoltato una sola nota; infatti è sufficiente dare un’occhiata al booklet scarno e in rigoroso bianco e nero, con le classiche foto di foreste brumose e solitarie, per indovinare che abbiamo a che fare con un lavoro di raw black metal vecchio stampo. Nonostante il sound del Nostro sia decisamente derivativo non nascondo di aver apprezzato questo dischetto che ha saputo trasmettermi le tipiche sensazioni di gelo e maestosità nordica, unite ad un senso di intima comunione con la Natura che soltanto le bands tedesche riescono così magistralmente ad evocare, dipingendo scenari grandiosi immersi nelle più cupe nebbie del Tempo. Le songs sono per la maggior parte up tempo sui quali aleggia quasi palpabile lo spirito dei primi Immortal. Non mancano tuttavia le variazioni sul tema, rappresentate da alcuni riffs dal sapore vagamente epicheggiante (come nell’opener e nell’outro) e da episodi maggiormente cadenzati dove vengono alla luce reminescenze darkthroniane neppure troppo velate (“Im Kerker”). Tutti i pezzi sono separati da brevi intermezzi ambient con rumori del vento e semplici arpeggi di chitarra acustica che, benché si tratti di una trovata nient’affatto originale (mi hanno ricordato molto da vicino gli stacchi del capolavoro “Dark Medieval Times” a livello di feeling e di atmosfera), riescono a stemperare la tensione dell’album e a regalare momenti magici in cui le sensazioni di contatto panico con il Tutto prima descritte sembrano ulteriormente amplificarsi. In definitiva un album di certo non trascendentale ma dal buon impatto che potrà essere apprezzato dagli estimatori delle sonorità old style e che testimonia una volta di più, se mai ce ne fosse stato bisogno, l’ottimo stato di forma della scena underground teutonica.

REVIEW OVERVIEW
Voto
65 %
Previous articleUnholy Storm – Our Ancient Vision
Next articleUruk-Hai – A Night In The Forest
TRACKLIST <br> 1. Heimat; 2. Das Geschenk Der Holl; 3. Zwischenspiel; 4. Winterruh; 5. Zwischenspiel; 6. Im Kerker; 7. Zwischenspiel; 8. Hohnlachend, Je Ne Spukgestalten; 9. Zwischenspiel; 10. Des Menschen Tag; 11. Ausklang <br> DURATA: 36 min. <br> ETICHETTA: Aus Nazg <br> ANNO: 2005throndt-throndt