Sombres Forêts – Quintessence

0
897

E’ stato rilasciato nel dicembre del 2006 l’esordio discografico dei Sombres Forêts, band proveniente dal Quebec che milita nella neonata Sepulchral Productions assieme ad altre realtà del luogo. La proposta, pensata e realizzata interamente da un’ unica mente, incarna un depressive dalla forma molto classica. Diciamo che i punti di riferimento più evidenti sono Burzum, gli Abyssic Hate di “Suicidal Emotions”, i nostrani Forgotten Tomb di “Songs To Leave” e parzialmente lo stile alla Xasthur, soprattutto per quanto riguarda il cantato. La ritmica è sempre su velocità medio\lente ed è il riffing l’unico elemento portante di questo “Quintessence”. I restanti strumenti fanno il loro lavoro senza però entrare nel vivo delle composizioni, a parte le tastiere che a volte ricoprono un ruolo significativo, accompagnando con tristi tappeti lo scorrere della musica. Il disco trasmette sin dai primi ascolti tutta la sua carica di triste rassegnazione. Le coordinate stilistiche attraverso le quali si snoda l’album appaiono in parte prevedibili, considerando che sono stati presi come linea guida i tratti più rappresentativi del genere. Non manca una certa qualità nelle composizioni che, nonostante non rasentino mai livelli eccelsi, riescono comunque ad apparire convincenti. La struttura spesso insiste sullo stesso giro di riff, per conferire allo scorrere del pezzo un senso di ossessiva ripetitività ed in questo modo amplificarne l’andamento ritmato e statuario. Con lo scorrere del disco spuntano arpeggi di chitarra acustica, tanto semplici quanto struggenti. Viene anche in rilievo una velata componente funeral doom, che in ogni caso appare leggera e non riesce a prendere completamente forma. Concludendo, i Sombres Forêts hanno ancora una personalità poco formata: “Quintessence” si lascia ascoltare con piacere, non appare così trascendentale o innovativo, ma in fin dei conti rappresenta una discreta prova. Ovviamente è consigliato agli amanti del depressive, in particolar modo agli estimatori delle bands che ho citato in veste di ispiratrici.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleMaerormid – Maerormid
Next articleLutomysl – De Profundis
sombres-forets-quintessenceTRACKLIST <br> 1. Quintessence; 2. Le Royaume; 3. L'Abîme; 4. Vents Des Désespoirs; 5. Au Solstice De L'Hiver; 6. Automne; 7. L'Enchantement Des Forêts <br> DURATA: 52 min. <br> ETICHETTA: Sepulchral Productions <br> ANNO: 2006