Laetitia In Holocaust – Lacra Ebenei: 13-17

0
895

Secondo demo per i modenesi Laetitia In Holocaust, decisamente curato e dall’aspetto assai professionale, tanto da poter essere considerato un vero e proprio full lenght a tutti gli effetti. Con questo “Lacra Ebenei: 13 – 17” i nostri proseguono il discorso cominciato con il precedente “A Slow Apocalypse”, proponendo un approccio aritstocratico e sofisticato alla materia black che viene contaminata e manipolata con suggestioni ed influenze di matrice vagamente dark rock, o perfino gothic, fino a creare un amalgama di sicuro interesse e a tratti originale, ma non sempre pienamente riuscito. L’esplorazione di territori di confine alla ricerca di un sound quanto più possibile personale e immediatamente riconoscibile é un merito che va certamente riconosciuto ai Laetitia In Holocaust, che non si adagiano come centinaia di altre bands sulla mera ripetizione di stilemi compositivi triti e ritriti, ma le soluzioni musicali finora trovate non danno ancora, a mio avviso, i frutti sperati. Il peccato originale di questo gruppo si chiama superbia: consci delle proprie abilità e dei propri mezzi, i nostri si lasciano sopraffare dalla voglia di stupire, cercano di dire subito tutto quello che hanno da dire, insomma mettono troppa carne al fuoco e l’effetto ottenuto é straniante e poco omogeneo. Quando invece si concentrano su una singola idea e la sviluppano compiutamente i risultati sono ben diversi e decisamente efficaci: ad esempio la linea melodica dal sapore orientaleggiante che costituisce il tema portante di “A Gesture Before You Enter The Darkness” risulta accattivante e rimane impressa nella mente dell’ascoltatore. I Laetitia In Holocaust sono certamente un gruppo coraggioso, ma la loro smania di sperimentazione va disciplinata, domata, in qualche modo “raffreddata”, e sono convinto che potrà trovare compiuta espressione affrancandosi completamente dal black metal. Da sottolineare la ricercatezza nei testi: delle vere poesie, frammenti oscuri e delicati di due anime tormentate, scritte in italiano ma cantate in inglese. Quando i Laetitia In Holocaust troveranno la loro strada, componendo e conciliando in un insieme armonico le mille suggestioni impazzite e per ora inconciliabili della loro multiforme espressività musicale, allora ne vedreamo davvero delle belle. Attendiamo fiduciosi.

REVIEW OVERVIEW
Voto
65 %
Previous articleFrangar – Frangar
Next articleHyperion – Seraphical Euphony
TRACKLIST <br> 1. Pinched Perdition (Fragment I: La Camera Degli Sposi, Fragment II: Nostalgia Per Il Totalmente Altro); 2.Erlebnis I; 3.A Gesture Before You Enter The Darkness; 4.Erlebnis II; 5.Priverno <br> DURATA: 31 min. <br> ETICHETTA: Autoprodotto <br> ANNO: 2005laetitia-in-holocaust-lacra-ebenei-13-17