HomSelvareg – Catastrofe

0
171

A sei anni circa di distanza dal loro scioglimento, si riformano i comaschi HomSelvareg, con una line up profondamente rinnovata – restano infatti soltanto il cantante Plague ed il chitarrista Bazzy – e nuovo materiale in procinto di essere pubblicato. “Catastrofe” è il loro secondo full length, autoprodotto in formato digitale, in attesa di un’etichetta che si dimostri interessata. L’album è un’autentica colata di odio ed intransigenza, il cui concept sembra essere il disprezzo nei confronti della razza umana, della quale si invoca a gran voca l’estinzione totale. Come anche nell’omonimo lavoro d’esordio, la band lombarda si dimostra fiera portavoce di un black metal feroce e carico di rabbia, forgiato tra le fiamme dell’inferno e figlio illegittimo di Dark Funeral, Setherial, Marduk (periodo “Panzer Division Marduk”) e – per citare un gruppo italiano – Handful Of Hate. Rispetto al passato gli HomSelvareg sono cresciuti sotto il profilo compositivo ed esecutivo ed infatti la violenza della musica non è semplicemente bestiale ma pare più ragionata e chirurgica (basta ascoltare l’opener “L’Inizio Della Fine” o la tellurica “Aria Di Tempesta” per rendersene conto), e per questo ancora più letale e distruttiva. I pezzi sono ben costruiti e la brutalità è incanalata in strutture quadrate e rocciose, tra assalti frontali all’ultimo respiro e passaggi più sulfurei e granitici. In particolare colpiscono l’ascoltatore la potenza del muro sonoro davvero impenetrabile creato dai nostri e la precisione della sezione ritmica retta da una batteria puntuale e devastante come una mitragliatrice e da un basso chiaramente udibile, che conferisce profondità al sound. A questo aggiungete un riffing tagliente come lama di rasoio ed uno screaming demoniaco e raggelante ed avrete il quadro completo di un disco che – senza certamente far gridare al miracolo – mantiene ciò che promette e ci regala una quarantina di minuti di furia espressiva variamente declinata. Se amate il black metal vecchio stile più votato alla velocità e all’aggressività, concedete pure un’occasione agli HomSelvareg e non ne rimarrete sicuramente delusi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here