Arcana Coelestia – Ubi Secreta Colunt

0
1611

Esordio sulla lunga distanza per gli Arcana Coelestia, nelle cui fila militano membri degli Urna e dei Locus Mortis, validissime realtà piuttosto recenti dell’underground nostrano, in qualche modo accomunate da una certa “sacralità” oscura e malefica che caratterizza le rispettive proposte musicali di queste band. “Ubi Secreta Colunt” ruota attorno alla figura di August Strindberg, scrittore e drammaturgo vissuto a cavallo tra XIX e XX secolo, la cui esistenza tormentata e in perenne conflitto ha ispirato la stesura di quello che probabilmente è il suo scritto più conosciuto, ovvero “Inferno”, libro da cui la band ha interamente tratto il concept dell’album, incentrato sulla ricerca alchemica e sulle visioni mistiche dettate dalle profezie del suo tutore spirituale, il filosofo Emanuel Swedenborg. Le quattro tracce che compongono questo lavoro fungono da perfetta colonna sonora all’opera in questione, traducendo in musica le atmosfere allucinate ed oniriche che l’autore, all’apice di una profonda crisi esistenziale, esprime attraverso le parole. Ottime le soluzioni strumetali adottate dai nostri che scelgono la strada del doom più canonico, a tratti molto vicino ai Tristitia nelle linee di chitarra, estremamente efficace in questo caso nell’esaltare la componente mistica (posta in risalto anche dall’artwork), che fa da scenario a un folle sogno paurosamente reale. Le parti di tastiera svolgono un ruolo fondamentale, creando un tappeto sonoro molto compatto e cristallino grazie a una produzione piuttosto pulita, che conferisce all’album un feeling meno claustrofobico rispetto all’esordio degli Urna e più “celestiale”. Molto caratteristici e di notevole impatto i cori “gregoriani” che coadiuvano uno screaming abbastanza classico. Unico episodio black oriented è rintracciabile nella terza “Arcane Knowledge Revealed (part II)”; le restanti songs sconfinano verso lidi decisamente più atmosferici e tragici, se pur ricchi di sfumature, che raccontano attraverso queste meste note i deliri onirici di una mente che, forse, non ha trovato pace nemmeno con la morte. In conclusione, un ottimo debutto dal sapore “spirituale” e riflessivo, che gli amanti del genere non potranno che apprezzare. “…la terra, è l’inferno la prigione costruita con un’intelligenza superiore in modo ch’Io non possa fare un passo senza urtare la felicità altrui e che gli altri non possano essere felici senza far soffrire me…”

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleMortiis – Anden Som Gjorde Oppror
Next articleUvall – October Turns… Ruined
TRACKLIST <br> 1. Cult Of Solitude; 2. Arcane Knowledge Revealed (part I); 3. Arcane Knowledge Revealed (part II); 4. Enigma Epitaph (A Dirge In Sculpture) <br> DURATA: 33 min. <br> ETICHETTA: ATMF <br> ANNO: 2007arcana-coelestia-ubi-secreta-colunt