Skoll – Of Misty Fire We Are

0
1121

La fiamma crepitante nell’oscurità della notte raffigurata in copertina ben simboleggia il sacro fuoco del pagan/black metal che brucia tra le note di questo “Of Misty Fire We Are”, quarta fatica sulla lunga distanza dei nostrani Skoll, band capitanata da M. The Bard che si sta ritagliando il proprio spazio nell’ambito di un sottogenere da sempre molto affollato e popolato di valide realtà. Figli illegittimi di Falkenbach e Windir (per non citare i Bathory, che non è mai superfluo chiamare in causa dal momento che sono una sicura fonte d’ispirazione per almeno la metà dei gruppi estremi sparsi per il globo), i nostri proseguono il discorso stilistico del precedente e ben accolto “Grisera”, mescolando un poco le carte in tavola pur rimanendo sostanzialmente fedeli al proprio trademark. Questo disco combina bene aggressività ed epicità e svela anche un lato malinconico ed introspettivo che nello scorso lavoro era meno in risalto. Ne sono prova la notturna “Misty Mountains” – nella quale spicca la bella linea di tastiera composta da Lunaris (anche lui, come M., ex Opera IX), quasi alla Dimmu Borgir prima maniera – e la suggestiva “Eternal Path”, dolente e meditativa conclusione di un cammino fatto di eroici scontri e celebrazioni di antichi miti e leggende. A rappresentare l’altro versante, ovvero quello dell’irruenza più oltranzista, vi sono invece episodi come “Into The Misty Forest I Go”, con un buon break centrale dal sapore folkeggiante che spezza la furia black, “Teutoburgo” e “Exercitus Antiquus”. Queste ultime mettono anche in evidenza una certa cura nella stesura delle liriche, tratto distintivo del progetto che personalmente apprezzo molto: la prima descrive la cruenta battaglia della foresta di Teutoburgo, che segnò una pesante sconfitta per l’esercito romano guidato da Varo a vantaggio di una coalizione di tribù germaniche capeggiata da Arminio; la seconda è una rievocazione del tema della “caccia selvaggia”, topos folcloristico presente in tutta la mitologia europea, che vede protagonista un corteo di dei ed esseri sovrannaturali impegnati in una sanguinosa e distruttiva battuta di caccia. Insomma, qualcosa di diverso rispetto al solito satanismo dozzinale ed occultismo a buon mercato (che restano comunque divertenti, intendiamoci). Un ascolto agli amanti di queste sonorità è quindi senz’altro consigliato: il progetto Skoll non inventa nulla ma ripropone musica e tematiche note con gusto, personalità e perfetta consapevolezza. Il che, visti i tempi bui, non è cosa da poco.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleKrieg – Blue Miasma
Next articleWyrd – Huldrafolk
skoll-of-misty-fire-we-areTRACKLIST <br> 1. La Luna Del Lupo; 2. Into The Misty Forest I Go; 3. Teutoburgo; 4. Exercitus Antiquus; 5. Misty Mountains; 6. La Tempesta Degli Elementi; 7. Eternal Path <br> DURATA: 47 min. <br> ETICHETTA: Fallen Angels Productions <br> ANNO: 2016