Nargaroth (Kanwulf)

0
2793

Innanzitutto grazie per aver accettato di rispondere alle mie domande. La prima riguarda il tuo nuovo album. Prima dell’uscita di “Prosatanica Shooting Angels” si farfugliava in giro che questo sarebbe stato l’album del ritorno alle origini. Era realmente questa la tua intenzione?

Buongiorno. Oggi è il 17 Novembre 2004 e sono le otto del mattino. E’ un onore da parte mia. Riguardo la tua domanda sul il ritorno alle origini: No fucking way! E’ stato uno stupido ed errato slogan pubblicitario da parte della mia label. “Prosatanica Shooting Angels”, da parte mia, non è mai stato inteso come l’album del ritorno alle origini. Tutto ciò è completamente sbagliato e insensato!! Mi fa molto arrabbiare perché tale slogan viene spesso utilizzato in alcune argomentazioni contro quest’album. Quest’album non è uno pseudo ritorno alle origini! Io l’ho fatto nel modo in cui suona perché lo volevo io. E’ un album dei giorni nostri!

Credo sia indubbiamente un album differente rispetto ai precedenti „Geliebte Des Regens“ o ai mini „Rasluka“. Personalmente ho riscontrato alcuni temi che in qualche modo ricordano gli albori, ma credo che paragonarlo ai i tuoi primi album sia sinceramente eccessivo. E’ in qualche modo l’album svolta della tua carriera? Cosa puoi dirmi al riguardo? E perchè la frase „No Dark Throne Fan“ nel libretto?

Quest’album non rappresenta nessuna svolta nel mio sviluppo come musicista. E spero che i miei album non vengano mai paragonati gli uni agli altri perché non posso e non voglio creare ogni volta album simili. Tutte le emozioni espresse in un lavoro sono di volta in volta completate! Nuove e differenti emozioni significano nuove e differenti espressioni! Nuove esperienze, pensieri, dolori e piaceri non possono essere espressi sempre allo stesso modo e con gli stessi significati. Io non sono il tipo di persona che fa un po’ di “musica”, come la maggior parte in questa forma d’arte, che creano solo gusci vuoti di una canzone. Nargaroth non diventerà migliore o peggiore, solo differente! Per evidenziare alcuni aspetti dell’album mi ci vorrà un pò di tempo. Immagino che le mie prossime parole disilluderanno molti lettori pro-Nargaroth. Ma era esattamente questa la mia intenzione con quest’album! Quest’album, insieme a “Geliebte Des Regens”, è il mio preferito! A causa delle circostanze in cui è stato registrato, la storia, il background e le intenzioni che hanno fatto nascere l’album durante le 12 ore di registrazione… originariamente queste canzoni erano state scritte per un side project che avevo in mente da alcuni anni il cui nome era per l’appunto Prosatanica Shooting Angels. Ho messo il logo del side project, con due angeli uno a destra e uno a sinistra, sulla parte bassa del retro del booklet e sul retro della T-shirt. Ma dopo le registrazioni mi sono ricordato di alcune frasi scritte sul booklet di “Black Metal Ist Krieg” in cui affermavo che non avrei mai avuto nessun side project perché Nargaroth è in me ed io sono in esso. Ho quindi deciso di non compiere lo stesso errore, dicendo o scrivendo cose senza poi mantenerle, come purtroppo è accaduto in passato. PSA è diventato dunque un album di Nargaroth, non pianificato. All’inizio del side project non avevo idea su come svilupparlo. Tutto ciò che sapevo era che doveva suonare più veloce rispetto alle canzoni che solitamente compongo. Sono andato nel mio piccolo studio del mio appartamento e circa 12 ore dopo avevo l’album tra le mie mani. Le stesse canzoni le ho scritte durante le 12 ore di registrazione. Ho suonato i tempi di batteria, e ho usato le parti che mi piacevano. A volte, durante le registrazioni della chitarra, ho fatto alcuni errori e ho provato a smussarli suonando qualcos’altro. E così ho trovato nuove combinazioni di riff da combinare alle due diverse melodie principali. Ho fatto alcuni esperimenti che solitamente non faccio! Alla fine di “Satan Industries” si sente una specie di rumore sintetico, creato dal mio basso distorto suonato solo con la corda più alta nel quarto o quinto tasto, non ricordo bene. Tutto quello che può sembrare una tastiera è il mio basso, solo suonando l’accordo principale più pesantemente e mixato poi al resto. Nient’altro e mi piace! I testi li ho buttati giù in 50 minuti. Non volevo fossero molto profondi ma dark e atipici. Mi sono ricordato di vecchie considerazioni su un Satana che odia e da sempre distrugge ogni cosa. Ho trovato stupido questo pensiero, dalla prima volta che l’ho sentito. Non riesco ad immaginare che qualcuno che viene amato anche solo per una volta, riesca ad odiare tutto e tutti e cazzate simili. Sarebbe più credibile per me che una persona o una cosa che ha vissuto l’esperienza del vero amore piangesse la notte, quando nessuno lo vede, a causa della perdita del sentimento “amore” e di essere amato. E che la cosiddetta “faccia cattiva” non è niente di più che uno scudo per nascondere il dolore al mondo. Sicuramente ho preso come pietra di paragone la mia esperienza personale, e quella di altri in questa stessa situazione, che, sono sicuro, hanno vissuto nella propria vita. Per questo ho scritto una canzone a tal riguardo (ndr “A Tear in the Face of Satan”). Ma il testo non va troppo in profondità, è solo una canzone sulle mie considerazioni riguardo il modo spregevole in cui è sempre stato descritto Satana. La prima canzone dell’album descrive le mie considerazioni sull’unico pensiero satanista utile nella vita: fai ciò che vuoi. Penso che un’anima ingabbiata o una mente incatenata appassirà e morirà col passare degli anni, se si priva dei desideri. Questo è tutto, nessuna saggezza, solo una canzone! Il titolo dell’Intro e il suono derivano da una mia esperienza che il cosiddetto amore è sempre finito dopo l’eiaculazione, se stai facendo sesso per una notte o con una nuova ragazza che hai conquistato ad un concerto o quant’altro. Vedo i ragazzi parlare con alcune galline, e come usano per conquistarle un ipocrita interesse per le parole dette da queste ragazze, ma nella loro testa essi pensano solo a venire tra le loro cosce. Si fingono comprensivi riguardo la loro attitudine, i loro punti di vista, e ascoltano le noiose storie di altri ragazzi, make up e band preferite, solo per rendersi attraenti come un “partner con cui si può anche parlare.” Ma l’intenzione reale è più primitiva. Anch’io mi comportavo in tal modo. Ascoltavo storie noiose fino a quando i miei occhi quasi si chiudevano etc… ma l’unica cosa che realmente volevo era farle urlare estasiate. Ma col passare degli anni mi resi conto che questo non era un comportamento onorabile, e di conseguenza non lo feci più. L’altra ragione per cui non l’ho più fatto è che una relazione rispettabile non inizia mai da momenti come questo! Invecchiando queste faccende sono ancora abbastanza simpatiche, ma non soddisfano i tuoi desideri di sicurezza o anche di avere una famiglia. Ho scritto due canzoni ambient prendendo ispirazione, sotto l’effetto di droghe leggere, seduto in riva al mare in totale oscurità, ascoltando solo piccoli rumori e pensando. Mi sono ispirato per questo quadro immaginario al libro “Killermachine”, dove un robot camminava sott’acqua e iniziava a pensare circa la sua esistenza, incontrando altre forme di vita oltre gli umani. (ndr “Thinking Below the Ocean”) L’altra traccia ambient l’ho fatta solo perché volevo. Non ci sono particolari motivi per cui l’ho fatta. Ho preso il tema finale di un film semi-horror, tagliando alcuni spezzoni di dialogo dell’attore che impersonificava il diavolo. Ho fatto in modo che le sue parole avessero un significato e ho chiamato la canzone allo stesso modo del film. (ndr “The Dark Side of the Moon”). Ero un tiratore scelto nell’esercito, così ho fatto una canzone -di non profondo significato- riguardo i cecchini (ndr “Hunting Season”). L’ultima traccia è la più importante per me, perché riflette lo stato momentaneo del mio sviluppo mentale che mi dice ogni volta di non arrendermi, anche se, come ogni essere umano, faccio degli errori. Ma in conclusione è stato abbastanza strana la realizzazione di quest’album. Ho trascorso delle ore piacevoli nel mio studio sotto l’influsso di droghe leggere e tequila. Questo è il motivo per cui è importante per me. Solitamente sono molto rigido sul sound che ogni album deve avere, e tutto dev’essere esattamente come voglio; ma questa volta ero molto rilassato e ho preso le cose nel modo in cui venivano. Nessuna intenzione di torturarmi profondamente mi ha perseguitato. E’ solo metal. Oltre queste circostanze, ho avuto a che fare con delle cose che mi hanno fatto arrabbiare riguardo la scena BM e i troppi pseudo-fans di Nargaroth. Questo è il motivo per cui ho fatto le cose in questo modo, per quanto riguarda il sound, l’artwork, il booklet e i messaggi nascosti in esso. La scena è piena di newcomers e povere menti filosofiche del BM. Essi impongono regole che smuovono le fondamenta o le radici di quest’arte, creano ogni volta nuove definizioni di BM -almeno due volte l’anno, se va bene-, portano un caos distruttivo nella scena e dentro quest’arte. Lo so bene perché alcuni anni fa ero anch’io uno di loro. Ma, al contrario di queste povere menti idiote, io e molti altri vecchi siamo rimasti in quest’arte e siamo costretti a stare nel caos che essi hanno creato, mentre loro adesso sono fuori dalla scena perché è svanita la loro adolescenziale ricerca dell’estremo, perchè si sono sposati o quant’altro. Purtroppo è difficile riconoscerli prima che abbandonino quest’arte. Penso che in quest’ambito prevalgano solo quelli che cercano la verità e l’onestà, o quelli che l’hanno già trovata. Quelli che già “hanno” sono i più vecchi, quelli che “veramente cercano” resteranno forse nella scena. Molte cose che ho scritto nel booklet possono essere capite dalle persone che ho menzionato sopra. So che solo pochi hanno inteso realmente cosa significano le parole “No Dark Throne Fan”. Deve essere considerato molto attentamente come ho scritto il nome della band e dove è stato scritto! Fino ad oggi solo due persone hanno capito questo gioco di parole. Amo queste cose! Spesso faccio cose del genere, che gli idioti non capiscono e separano da quelle giuste. L’ho fatto anche in passato. Nel demo “Fuck off nowadays Black Metal” ho inserito un outro che è abbastanza popolare e ogni metalhead dovrebbe capire che è sicuramente una cover e non una canzone di Nargaroth. Così l’ho messa come versione strumentale nell’LP e l’ho chiamata “Nortam Sagro”. Dopo la realizzazione dell’LP ho sentito molte voci che dicevano che io avevo rubato riff da altre band. Tutti dicevano che la canzone strumentale era “Orgasmatron” dei Motorhead e che questa era la prova che io rubavo i riff ai Motorhead. Io dico: può essere vero che tutta la scena sia così dannatamente stupida da non capire lo scherzo, e non sono in grado o sono troppo stupidi per leggere il titolo della canzone al contrario? Dovrei chiamare il prossimo album di Nargaroth “Fuck off BM scene”. Ma oltre questi significati nascosti ci sono altri due problemi aperti riguardo la posizione di culto dei Darkthrone nella testa delle persone. Un’ulteriore ragione di questo slogan e dell’album, che comunque non è così profondo ed importante, è che se ascolti la musica tale slogan sembra più che strano e anche ridicolo; la mia intenzione era di dubitare sulle cosiddette “ispirazioni personali” che la maggior parte delle band BM sbandiera, quando invece la loro musica è esattamente come quella delle loro band favorite nominate nelle interviste. La terza ragione di questo slogan va direttamente al non rispettato inizio dei Gorgoroth! Ognuno nella scena nomina i Darkthrone come band favorita e più importante, secondo me i Gorgoroth sono i padroni di quel trono. Con il loro primo demo e primo album e con uno dei migliori singer, Hat, sono sempre stati più che sottovalutati. Così come ho fatto con la frase “No Dark Throne Fan”, ci sono altre cose che ho fatto per separare gli idioti dai metalheads. Altri esempi sono: solo i vecchi fan conoscono il significato delle parole “Black and Blasphemic Death Metal”. Sono parole abbastanza famose conosciute dai più vecchi appunto. O il fatto che ho messo band come gli Azhubham Haani sotto la rubrica Thought about Death Cocks. Alcune piccole menti gay mi hanno scritto, chiedendomi perché avrei fatto un tale sacrilegio inserendo una band pionera del BM in una rubrica Death Metal. Tutto ciò mi fa ridere, anche se in realtà è molto triste! Se conoscessero Azhubham Haani da prima che ralizzassi “Black Metal Ist Krieg” dovrebbero saperlo. Fanculo questi perdenti! Un altro messaggio è la mia foto nel libretto con una stupida pistola in mano. Odio questi fottuti ragazzini poser con le loro noiose foto con pose da cattivi senza atmosfera. Loro dicono che mostrano la loro vera faccia..Questo insensato e inflazionato uso di attributi (un)holy nel BM distrugge ciò che una volta era importante nella scena!! Questo è il motivo per cui ho fatto questa stupida foto e ho sottolineato ciò scrivendo “Poser Picture from Kanwulf..”.Se qualcuno usa queste foto per favore o sappia di essere un poser, o lo faccia onorabilmente o così sia! Abbiamo bisogno di metalhead per sopravvivere, non cagate di Halloween! Ci sono molte altre cose nascoste che non ho detto, perchè mi sarei dilungato troppo. Inoltre non voglio spiegare nient’altro, perché voglio vedere chi è chi, e chi è degno nella scena. E fino a quando mi fanno domande come “Chi è l’Erik che hai menzionato nell’album BMIK” o mi dicono “ il batterista di BMIK non è true perché lui ride nelle due piccole foto del booklet” (erano foto private di Erik e si trovavano nella pagina del booklet in cui gli ho dedicato la canzone) dico- fatevi i cazzi vostri!

“As the Stars Took Me With Them” di „Amarok“ è una traccia di un fascino particolare, che sonda i territori del dark ambient così come hai già fatto in passato.Hai cercato di riproporre lo stesso tema, magari in chiave piu’ moderna anche in PSA..come mai?

Ho spiegato ciò prima, parlando in dettaglio di PSA. Ma cose del genere le ho fatte anche in passato. Anche su “Orke” ho creato due canzoni simili, su “Herbstleyd”, il più famoso, e in futuro nel nuovo album “Semper Fidels”, troverai due nuove tracce del genere. Penso che per creare sfere che vanno oltre le emozioni umane, l’uso delle tastiere sia molto d’aiuto.

Molti identificano Nargaroth con „Herbstleyd“ considerandolo una vera e propria icona del BM. Trovo la sua epicità assolutamente unica, di una bellezza incontaminata che non ho mai riscontrato in nessun altro dei tuoi album. Puoi spendere qualche parola sul concept dell’album? So che hai vissuto molto intensamente la sua realizzazione..

Lo so e ciò mi rende triste e mi fa molto arrabbiare. Ma come ho detto prima, ogni album suonerà e deve suonare differente. Ho scritto le ragioni di questo nel libretto di Rasluka pt II. Herbstleyd..mmhhh..non so da dove cominciare. Amo quell’album ma allo stesso tempo lo odio per la paura che mi incute. E’ una storia molto lunga. Raccontarla adesso è possibile solo perché è passato molto tempo da quando l’ho realizzato, nel Dicembre del 1998. Alcuni anni fa non avevo ancora capito cosa quell’album ha fatto per me, per la scena e non sapevo che significato dargli. Le canzoni sono tutte abbastanza vecchie. Fin dall’inizio della loro esistenza, molto tempo prima del ’98 ho cercato di realizzarle in modo che potessero soddisfarmi, ma non sono mai stato in grado di farlo. A causa di ciò la mia pazzia non poteva lasciare la mia testa, anzi diventava sempre più forte torturandomi sempre più. Molte volte ho provato a registrarlo senza successo, a causa di svariati problemi. Questo mi faceva impazzire e le persone attorno a me pagavano per questo. Li trattavo come un despota, li trattavo come merda. Alcune le ho assillate, altre ho tentato di ucciderle, altre le ho strangolate fino a quando non stavano quasi per asfissiare. Sono stati i giorni peggiori della mia vita, pechè avevo perso il controllo delle mie azioni. Se all’inizio del ’98 non fossi stato contattato dalla No Colours di sicuro adesso sarei in prigione per omicidio, o sarei morto. Il tipo della NC mi venne a trovare, ascoltò il mio materiale e gli piacque. Mi disse che voleva ascoltare una studio track per farsi un’idea migliore. Così andai a casa di Falkenbach e registrai la versione promo della song “Herbstleyd” che poi ho inserito in “Amarok”. La NC era d’accordo con me, quindi dopo anni di sofferenze, odio e dolore ebbi l’opportunità di realizzare l’album. Non puoi immaginare cosa abbia significato per la mia vita. Sfortunatamente ero, e sono ancora oggi, molto impaziente. Volevo la pace della mia anima nello stesso momento in cui realizzai “Herbstleyd” ma quello che è andato via via crescendo col passare degli anni, non può fermarsi o cambiare in pochi giorni. Questo l’avevo dimenticato. Quindi mi sentivo un folle rabbioso. Dal ‘98 fino alla fine del 2000 ho fatto un sacco di cazzate, a causa di questo problema, ma adesso vedo le cose chiaramente. Ora vedo cosa ha fatto “Herbstleyd” per me, oltre la pazzia che mi suscitava. Mi ha dato la possibilità di ricordare cosa, e quando mi volto indietro, verso quei giorni, so che mai diventerò nuovamente la stessa persona. Ora so che scrivere canzoni significa per me il mantenimento di una sorta di equilibrio nella mia vita. Scrivendo canzoni e condividendole con altre persone simili a me posso contralle la mia malattia, pazzia o meglio, la parte umana del mio essere. Per il movimento BM in Germania è stata una grande cosa. Le mie idee sul BM fecero cambiare ad alcune persone il loro punto di vista al riguardo. In tutto e per tutto quest’album era, ed è ancora oggi, in grado di dare a me e ad altri, l’opportunità di sentire o migliorare la parte umana delle loro vite che così spesso vogliamo e dobbiamo rinnegare per sopravvivere nel confusionario mondo di oggi. (ndr Kanwulf ha letteralmente copiato questa sua risposta da un’altra intervista di qualche anno fa..)

„Geliebte Des Regens“ è un album molto intenso e malinconico, uno dei miei preferiti in assoluto, per il grado di devastazione che riesce a provocare. Cosa rappresenta per te quest’album? Perchè hai scelto di focalizzare il concept sulla pioggia? E come mai la scelta di inserire una versiaone alternativa –pressochè identica- di “Manchmal Wenn Sie Schläft”?

Ho registrato l’album nel Giugno del 2001 e la musica rifletteva perfettamente il mio stato d’animo di allora. Sfortunatamente ho dovuto aspettare due anni per registrare le vocals, però le mie sensazioni erano diverse nel 2001. Ho dovuto in qualche modo unire il passato (musica 2001) col presente (vocals e lyrics 2003). Quindi il mio rapporto con quest’album è stato più ambivalente rispetto agli altri lavori. Ma a parte alcuni errori nel mixaggio vedo quest’album come un grande contenitore di emozioni. Le melodie si ripetono in continuazione quindi potrebbe risultare noioso per una persona che vuole soltanto ascoltare un po’ di musica, ma non ho creato quest’album per questo!! L’ho fatto per i momenti in cui ci si immerge nei propri pensieri, in cui si desiderano intense visioni. Ho sperimentato che apprezzo un certo tipo di musica quando sono in questo stato emotivo, cioè di cercare soluzioni o visioni. Nel momento in cui inizio ad entrare nelle profonde sfere della mia mente, o mi sopraggiungono le soluzioni ai miei problemi, la musica cambia in melodie che disturbano questo momento, o ancora peggio, la musica finisce. Ciò di cui ho bisogno è che le melodie che mi aiutano a conquistare la mia mente non finiscano durante il mio viaggio mentale, mentre sto cercando una risposta. La monotonia che mi conduce in uno stato di trance deve continuare fino a quando ne ho bisogno. Per questo ho ripetuto così tanto alcune melodie. Quest’album, come molti miei altri, non è adatto per essere ascoltato come sottofondo mentre si pulisce il proprio appartamento o addirittura ai party. Potrei immaginare che ciò distrugga l’atmosfera del party. Non si può dire che sia differente dai precedenti album, perché ogni album deve suonare differente, avevo soltanto sensazioni diverse quando l’ho registrato. La ragione per cui ho messo la seconda versione di “Manchmal Wenn Sie Schläft” è perché ne avevo due e non sono stato in grado di sceglierne una perché mi piacevano entrambe, quindi le ho messe tutte e due. Semplice.

“I’m what I’m, I’m just a man” è un verso di „Amarok III“. Questa frase è da intendere come una sorta di esaltazione dell’io? Se si, perché utilizzi la parola “just”?

Durante il mio sviluppo come uomo, ho visto che alcuni miei comportamenti e azioni nel passato e nel presente erano lontane dal modello che avevo, a cui volevo essere paragonato. Onorabile, forte, con gentilezza e saggezza..Ma in questa progressione non volevo “torturare” me stesso ogni volta per le cose che avevo fatto, vergognandomene. Conoscevo i miei errori e li ho capiti. Ho avuto l’opportunità di comportarmi differentemente, spero in maniera migliore, diventando un uomo più onorabile. Gli errori fanno parte del processo di apprendimento, essenziali per lo sviluppo. Ogni uomo può (deve!!) svilupparsi, anche quando ciò vuol dire attraversare prima l’inferno. E io sono un uomo! Ho usato la parola “just” perché non sono migliore di una donna. Può darsi sia un tentativo di giustificarmi o una piccola scusa per i miei errori, non so.

Trovo „Black Metal Ist Krieg“ un album molto vario, e certamente non da meno rispetto agli altri. Perché secondo te alcuni non sono stati capaci di capirlo e apprezzarlo? Una curiosità..in “Amarok III” avrei giurato che le vocals fossero due! ma in realtà la voce è sempre la tua, confermi?

Nel corso dell’esistenza di un musicista si presentano canzoni che, a causa della loro unicità e dei loro significati individuali non possono essere integrati in un lavoro tematico, quindi diventano una presenza solitaria nella mente dell’artista. Quando il numero di queste composizioni diventa troppo grande trattengono in se stessi un desiderio di crescita individuale di essere espresse, soffocando tutti gli ulteriori processi di lavoro. La realizzazione delle canzoni su LP si è sviluppata attraverso l’emancipazione di quest’energia rubando potere e arrivando vicino ad uno stato catartico. Le registrazioni sono avvenute durante un lungo periodo nella Repubblica Ceca e in un vecchio e freddo bunker della BND e completate finalmente il 31 Dicembre del 2000. Quest’album non è un concept allo stesso modo di “Orke” o “Herbstleyd”, ma alla luce dei fatti sopra riportati è comunque un lavoro completo per la sua diversità e per le sue fondamenta cangianti. Questo LP contiene dieci canzoni indipendenti le une dalle altre, differenti stilisticamente, per la produzione, a causa delle loro origini artistiche. Sono nate attraverso modi e significati diversi; politici, storici (The day Burzum…), attraverso il taglio profondo delle emozioni della luce (Seven Tears..) e di quello che è andato perduto (Erik may you rape…), puro BM (BMIK, e Possessed By…), così come offerte di onore o tributo (cover)…Avrei potuto usare queste canzoni per un side-project per la loro differenza con lo stile di Nargaroth ma aborro questo comportamento. Ciò che sono incline a fare è inevitabilmente correlato con la mia identità. Nargaroth non è solo una band, ma piuttosto la mia vita. Non posso toglierlo e indossare nuove vesti. Ci saranno più espressioni di me stesso che non potranno essere più strane e differenti. Quindi in ogni cosa io sono me, e io sono dentro Nargaroth, come Nargaroth è in me. Nessun compromesso..Ho fatto tutte le vocals e ho cantato tutto! Ho usato un effetto chiamato voice shifter, che prende la voce e la trasforma in un suono più alto e la aggiunge alla tua voce naturale. Quindi sembra una voce femminile sebbene sia la mia! Hey..dovresti credere a me, se sei intenzionata ad intervistarmi! 🙁 tali cose, domande o peggio, falsi pensieri sono fottutamente noiosi!!

Hai detto che il box di „Simper Fidelis“ sarà venduto solo previa compilazione di un modulo. Confermi cio’? Ho letto nel sito della No Colours che la versione Cd uscirà nel 2005. Puoi spiegarmi meglio..? saranno realizzate due differenti versioni? In tal caso perchè hai deciso di diffondere in questo modo il box?

Il box conterrà una T-shirt, il doppio LP, un video o DVD e altro materiale speciale, e sarà limitato a 99 copie che deciderò io a chi distribuire! La versione CD non include tutte le informazioni che ho aggiunto nel booklet del Vinile e non conterrà tutte le canzoni. Questo box è speciale per me perché è il mio addio alla scena BM. Inizialmente la sua uscita era stata prevista dopo “BMIK”, ma poi è slittata. Con le releases che hanno seguito “BMIK” mi considero un musicista o un songwriter che non appartiene a nessuna scena, perché le scene impongono limitazioni, e io non le accetto. Ciò che ho sempre fatto lo continuerò a fare. Infatti ho detto più di una volta che Nargaroth non suona BM!! Sebbene so che la maggior parte di chi lo ascolta appartiene a tale scena, e Nargaroth sarà sempre etichettato come BM. Per stare nel BM le canzoni devono essere fatte per il BM, ma io mi vedo come un musicista e artista che fa canzoni per la propria sopravvivenza. Ovviamente ci sarà sempre qualcosa che sarà sempre chiamato BM, ma ricorda, io non ho mai chiamato la mia arte BM ma German and misanthropic metal. Non ho nessun diritto di definire qualcosa come BM. Questo dev’essere fatto da persone che sono vicine alla mia arte e che può darsi la capiscano un po’, non da me stesso. A causa della mia crescita e specialmente a causa di molte fottute esperienze che ho avuto nella fottuta scena non voglio più nutrirla con la mia arte e nemmeno voglio combattere per un’arte che a me sembra morta dal 1994 e che porta con sé gli idioti che ho menzionato prima. Questo e altri fatti non mi permettono più di fare BM. E’ difficile da capire ma è solo una specie di definizione che deve adeguarsi nella MIA testa. Sarò sempre vicino al BM e mai lo tradirò, ma il mio mondo cammina in maniera differente. A causa di tutto ciò voglio dare il box alle persone che conosco e in cui credo. Esso non dovrebbe essere venduto su Ebay o affidato nelle mani di una persona che disprezzo. Questo è quanto.

C’è un album nella tua carriera che ti rappresenta maggiormente? Nelle tue canzoni inserisci stili e sensazioni differenti..da dove prendi l’ispirazione?

Ogni singolo album rappresenta l’essere e la creatura di Nargaroth, quindi me stesso. Ho lasciato prevalere le mie emozioni, la mia attitudine e immaginazione nel mio modo di lavorare. Io faccio ciò che voglio! Questo è tutto! Sono un uomo e provo emozioni che mi accompagnano nella vita, e per esprimerle uso la musica. Ovviamente trasformo in quadri immaginari il mio sviluppo come uomo, le soluzioni e i pensieri circa la mia vita che poi converto in parole, preferibilmente sottoforma di poesia, questo dovrebbe essere normale per ogni musicista. Ma il fatto che ciò è considerato speciale, mi dimostra che è abbastanza raro e la forza principale delle band è creare soltanto gusci vuoti privi di significato. Questa è la ragione per cui il BM è morto da anni!

Credo che livello del BM ai giorni nostri si sia abbassato, qual è la tua opinione al riguardo? Ho letto che secondo te lo spirito delle prime black metal band oggi è morto. Se è così quando è iniziata questa decadenza?

Non penso nulla di buono riguardo la scena attuale. Ho fatto, e continuo a fare troppe esperienze stupide e vergognose. Ma penso che tutto ciò ci sia sempre stato, indipendentemente dall’anno. Penso che all’inizio ero solo un fan, non riuscivo a focalizzare gli argomenti, i gossip, e i pensieri delle persone. Non ho mai condiviso i loro pensieri prima, perché ero abbastanza solo. Solo ai concerti vedevo persone ma non parlavo con loro. Ai miei occhi le cose peggiorarono dal 1994/95. Dopo questi anni la scintilla si è spenta, anche se posso immaginare che i nuovi arrivati abbiano sempre una nuova scintilla dentro di loro. Ma le cose che loro adorano non sono le mie e neanche quelle dei più vecchi; riguardo quest’argomento ho speso qualche parola nella domanda su PSA.

Cosa pensi del BM in Europa? So che sei in contatto con alcune band americane..Credi che paesi con storia, cultura e tradizioni differenti dalla nostra possano comunque essere concettualmente agli stessi livelli della scena BM europea? Qual è la scena che maggiormente apprezzi per onestà?

Inizialmente pensavo che solo nelle zone del nord si potesse suonare veramente BM, ma adesso, dieci anni dopo so che ciò è sbagliato. Nella mia etichetta ci sono band provenienti da Kyrgyzstan e Brasile che fanno un’arte più potente di molte band europee. Anche le zone mediterranee, come la mia amata Italia, non inibiscono le band nel creare musica brillante. Mortuary Drape e un’altra band Toscana di cui non ricordo il nome (qualcoasa con Wings of…non ricordo) sono buone band.

Qual è la tua concezione del BM? Credi che questo genere di musica abbia lo scopo di esaltare il male e l’odio o credi che si sia un mezzo per esprimere anche altri sentimenti che vanno al di là dei soliti clichè?

NO. Guarda Nargaroth. La nostra arte ci permette di esprimere molte sensazioni. Nel Death Metal puoi principalmente esprimere brutalità e aggressività. Se usi gli elementi tipici del Death Metal è difficile suscitare felicità o tristezza che perlopiù viene dal Doom metal, e generi affini. Quest’arte invece sembra essere molto ricca. Ho capito che posso esprimere tutte le mie emozioni; una volta ho espresso sentimenti d’amore scrivendo una poesia d’amore trasformandola in musica (Seven Tears..), ho suonato la felicità (Frühling, Sommer in uno dei prossimi album che si chiamerà Season/Jahreszeiten) e così via. Di sicuro il BM era ed è incentrato sul Satanismo e la distruzione del Cristianesimo!!!! Questo non dovrebbe mai essere dimenticato, solo questo è BM. Ogni altra cosa usa soltanto la stessa musica di quest’arte e a volte lo fa molto bene. Gli Immortal ed altre band famose non sono mai state BM secondo me, in base le loro lyrics, e anche Nargaroth non è BM. Ho trovato che molti elementi del BM hanno un grande potenziale per esprimere tipi diversi di sentimenti! E come uomo ho emozioni e sentimenti che posso esprimere attraverso questa musica. Non è meraviglioso? Non è questa una buona ragione per salvaguardare quest’arte? Io dico di si.

Penso che la parola misantropia venga usata spesso impropriamente per esprimere semplicemente il non contatto umano. Non credi sia una condizione piu’ profonda, e soprattutto interiore, senza per questo rinnegare il contatto umano, che ti permette di porti ad un livello superiore rispetto ai tuoi simili?

Infatti la Misantropia è spesso fraintesa o usata a sproposito per la fobia sociale o l’incompetente personalità sociale di alcuni membri della scena. Questo conduce all’isolamento, al non contatto con gli altri umani. Queste persone hanno paura- non odiano. Anch’io ho utilizzato questa parola per esprimere la mia antipatia nei confronti della razza umana ma oggi ho cambiato il mio punto di vista. Penso di aver veramante odiato gli umani, per molte ragioni. Per aver distrutto la Foresta Pluviale, per aver trucidato bambini, per le soap opera decadenti, per il grande fratello ecc…Ma ad essere onesti la prima volta credo di averli odiati perché ne avevo paura. La mia paura deriva dal mio lungo isolamento nella mia giovinezza a causa di mio padre. Avevamo una fattoria con animali, e costruimmo una casa. Dalla mia infanzia egli non mi permise di uscire con gli amici, mi forzava quasi ogni weekend e ogni sera dopo la scuola, e dopo il suo lavoro, a lavorare nella nostra fattoria. I tuoi amici chiedono una volta di andare a una festa, può darsi una seconda e una terza, ma una quarta volta non lo chiedono più quindi ero abbastanza isolato e costruii una casa. Beh si, ora so come costruire una casa e come dirigere una fattoria ma non potei imparare a comunicare con le altre persone nel modo giusto. Le prime volte io ero più impaurito che motivato ad andare tra la massa di umani, penso di essere stato un po’ paranoico. Nelle feste a cui sono andato dopo ero uno di quelli che stava solo in un angolo fissando il tappeto o la mia bibita. Terribile! E ancora oggi ho problemi ad avere contatti sociali e ho trovato nella mia personalità una parte schizoide. Questo non mi rende affatto felice, e combatto per ciò – anche se ormai non sono uno schiavo del mio fottuto passato e della mia personalità. Ho l’opportunità di decidere e cerco di usarla più spesso possibile ma di certo preferisco ancora stare solo. Sogno di avere una fattoria o una casa di legno di Alaska nel Canada del nord o da qualche parte in Russia. Terribile, sono diventato quasi come mio padre sebbene non l’ho mai voluto. Ma si diventa spesso simili alle cose cose che non piacciono, specialmete quando si parla dei propri genitori. E penso che spesso quando la scena BM o i membri delle band parlano dell’odio verso la specie umana, non è misantropia, è paura e nient’altro. Ma è di sicuro piu’ cool e cattivo dire che è misantropia, suona meglio che dire paura… Misantropia credo significhi un essere umano altamente sviluppato, più riflessivo e intellettuale. Penso che ci vogliano anni di riflessioni e sviluppi per arrivare a questo punto e perché io possa dire di essere veramente un misantropo senza aver bisogno di niente e nessuno…o no. Forse la conseguenza è che la ragione per cui non piacciono gli umani è di altra natura che la Misantropia.

In una vecchia intervista affermi che se l’uomo odia se stesso, non è felice. Io credo che la ricerca a tutti i costi della felicità fine a se stessa, sia sintomo di debolezza umana, la necessità di appagare i propri bisogni con cose materiali è insita alla natura stessa dell’uomo. Non credi che la misantropia possa rappresentare in qualche modo un mezzo attraverso la quale raggiungere una sorta di equilibrio interiore che esula dalla necessità di condurre una vita materiale?

Si, sono totalmente d’accordo. Penso di aver spiegato bene il mio punto di vista sopra.

Il BM quando fu concepito non aveva fini politici. Cosa pensi delle band che, oggi, supportano i loro ideali politici ponendoli in stretta relazione con il BM appunto? Qual è la tua posizione al riguardo? Cosa pensi del NSBM? So che hai omaggiato i Veles nel tuo ultimo album..

Gli ideali politici, non importa in che direzione, sono interessanti fino a quando stanno al loro posto, non hanno nulla a che fare col BM. E’ noioso secondo me portare ogni tipo di ideale politico nel metal! Ho menzionato i Veles perché il loro primo album è un ottimo album e il secondo è individualismo puro. Il demo è killer! Questo è vero metal! Non m’interesso dei pensieri politici, ho anche menzionato i Graveland. Anche nel Death Metal molte band hanno sfiorato alcune idee NS. Questo mi irrita. La politica è fatta da uomini e di conseguenza inutile, sbagliata e piena di bugie. La vedo ogni giorno in Tv o ascoltando la radio. Anche nel mio paese i politici sono persone talmente poco onorabili che mi sentirei male se provassi troppo interesse per questo argomento. Uso meglio quest’energia per la mia musica! So che questa risposta è obbligata da una parte per i miei sentimenti negativi nei confronti dei politici, e dall’altra per la mia scarsa conoscenza e informazione sui politici stessi; quindi le mie risposte non devono essere generalizzate. Prima di parlare di questo argomento, preferisco informarmi, anche se non voglio perché potrei usare quest’energia molto meglio. Comunque i miei pensieri riguardo la politica e il BM sono quelli che ho espresso.

Qual è l’obiettivo che vuoi raggiungere quando scrivi le lyrics? Scrivere è una sorta di liberazione o forse un modo per condividere i tuoi sentimenti ed emozioni più intime?

All’inizio della mia carriera musicale non era niente più che un passatempo, ma col passare degli anni è divenuto un modo per parlare a me stesso o alle cose dentro di me che volevo ignorare. Sopra ho parlato già di questo. Ho capito che le cose vengono fuori meglio, come alcuni eventi della vita, esprimendomi musicalmente. E ovviamente voglio colpire le altre persone con i miei testi e le mie melodie. Voglio che loro ritrovino se stesse nella mia arte condividendo i miei sentimenti, questo è più intimo del sesso credo! Non sempre meglio, ma più personale e intimo.

Dall’inizio della tua carriera fino ad oggi, è cambiato in qualche modo lo scopo per cui componi musica? O le sensazioni che provi oggi componendo sono le stesse di allora?

Come ho detto prima è cambiato da un’attività che facevo nel tempo libero con l’intenzione di fare rumore, in un “sentire” descrivendo pensieri di un uomo che cambia e cresce. Oggi ciò è più personale e vicino alla vita reale, alle mie sensazioni ed emozioni. Infatti è divenuta più reale poiché considero me stesso e rispondo oggi attraverso molte differenti emozioni, non più solo odio e sofferenza.

Sono molte le voci che insistentemente affermano che tu abbia cambiato la data di uscita di alcuni tuoi album, o che addirittura affermano che la tua carriera musicale abbia avuto inizio negli anni successivi al 95. Cosa rispondi a queste persone? E’ realmente importante per te la considerazione che gli altri hanno di te?

I pettegolezzi sono come i coglioni. Ognuno ha i suoi! Sono parole di persone deboli di mente che esaltano il loro piccolo ego. Da psicologo accetto questo comportamento attuato per aumentare la stima in se stessi. Ma non prendo ciò seriamente. Loro possono restare bambini se vogliono, ma non prendo seriamente ciò che i bambini dicono. Tu lo fai? Non penso. Quindi perchè dovrei preoccuparmi delle bugie di bambini sconosciuti.

Perché secondo te si è creata una sorta di spaccatura che permette ad alcuni di apprezzarti come artista ma non come persona?

Nel passato ho fatto delle cose di cui non sono fiero, ero simile ai sopra menzionati “bambini”. Sfortunatamente la maggior parte dei poser della scena non sono abbastanza uomini per dimenticare. Questo vorrebbe dire accettare anche i propri fallimenti o la possibilità di avere insuccessi nella vita. Ma ciò è difficile o più difficile che prendersela con qualcuno e necessita una personalità sviluppata. Quindi è “meglio” continuare a far caso agli errori e ai fallimenti delle altre persone, ignorando, o meglio, sviando dalla propria naturale debolezza, dai propri problemi e fallimenti. (questa è una delle ragioni per cui non prendo seriamente la maggior parte della scena. Se prima un uomo non si rivolge a me onestamente con riflessi anche i propri fallimenti, non lo prendo seriamente).

Mille grazie per l’intervista, a te l’ultima parola..

Grazie a te. Quasi ogni anno trascorro un pò di tempo nel vostro paese, che mi piace molto. Forse ci vedremo il prossimo anno a Maggio in uno speciale Nargaroth live assault. Il BM suscita così tante emozioni e sentimenti che dovremmo essere orgogliosi di avere un’arte come questa. Dovremmo averne più cura rispetto a quello che “facciamo” con la natura o con noi stessi. Il BM era un diamante tra la grigia sporcizia delle altre arti. Sfortunatamente troppi lo hanno afferrato con le loro mani sporche e ciò, anni fa, gli ha fatto perdere il suo splendore.