Dan Swanö – Moontower

0
1227

Se avete bisogno di presentazioni o precisazioni sull’identità di Dan Swanö probabilmente siete capitati qui per caso. Difficile infatti non aver mai almeno incrociato qualcuna delle molte band in cui il polistrumentista svedese ha prestato servizio, fra cui cito, in ordine sparso, Frameshift, Nightingale, Odyssey, Unicorn, Witherscape, Diabolical Masquerade, Edge Of Sanity, Godsend, Pan.Thy.Monium. Solcando in sostanza tutti i generi del metal, dalla tradizione alla pura innovazione, Dan si è ritagliato un posto speciale, nell’affollato panorama scandinavo, grazie anche al suo altrettanto importante operato come proprietario e tecnico dei mitici Unisound Studio (date un’occhiata al suo portfolio per farvi un’idea). Nel 1998, orfano dei grandi Edge Of Sanity, il buon Dan si è anche concesso una parentesi solista, finora non più ripetuta, pubblicando a suo nome questo validissimo “Moontower”, sorta di concept prog-death, da lui stesso descritto come “if Rush played death metal in the 70s”, e che in molti hanno letto come effettivo epitaffio dei Sanity (almeno fino al ritorno “Crimson II”, 2003). La descrizione di cui sopra ben si addice all’articolato ma comunque immediato e appagante song-writing (“Patchworks”), dall’approccio narrativo e introspettivo ipoteticamente a metà strada fra Opeth e primi Nightingale. Nello spazio di 45 minuti di durata “Moontower” abbraccia un ampio spettro di atmosfere, mantenendo dritta la barra sul death di tradizione svedese, con un tasso di melodia (“Uncreation”) sufficiente ad alleggerirne l’assimilazione. Distante dalla pura e geniale avanguardia dei sottovalutatissimi Pan.Thy.Monium, Mr. Swanö dimostra anche in questo contesto la sua impressionante capacità di scrittura ed esecuzione, occupandosi di ogni singolo aspetto dell’album, sia tecnico che artistico, come un moderno artigiano del metallo. In conclusione se nella vostra discoteca manca “Moontower” vedete di provvedere al più presto, perché poche uscite contemporanee sono dotate di una simile forza e inventiva, nonché invidiabile longevità.

REVIEW OVERVIEW
Voto
85 %
Previous articleBarbelith – Mirror Unveiled
Next articleBarbatos – Let’s Fucking Die
dan-swano-moontowerTRACKLIST <br> 1. Sun Of The Night; 2. Patchworks; 3. Uncreation; 4. Add Reality; 5. Creating Illusions; 6. The Big Sleep; 7. Encounterparts; 8. In Empty Phrases <br> DURATA: 44 min. <br> EICHETTA: Black Mark Production <br> ANNO: 1998