Angor Animi – Cyclothymia

0
1773

Ciclotimia: psicosi caratterizzata da avvicendamenti di stati di euforia e di depressione. Con questo titolo si affacciano sula scena black nostrana i pescaresi Angor Animi, lanciati dall’austriaca Talheim Records. Bisogna subito mettere in chiaro che nonostante venga sbandierato dalla band un black metal di stampo suicidal/depressive la realtà è un’altra. Non basta usare un certo tipo di immagini e titoli/testi (alcuni scontatissimi come “After Years Of Broken Dreams”) per produrre un certo sottogenere musicale. Non capisco questa “presentazione” della band che potrebbe trarre in inganno l’ascoltatore e rischiare di ingabbiare il gruppo in un sound non suo. La musica qui presentata è infatti molto più vicina ad un black metal atmosferico (non sinfonico, atmosferico) dove la fanno da padrone le tastiere e i numerosi arpeggi di chitarra. A proposito di quest’ultimi, anche se piacevoli all’ascolto, sono spesso melodici, quasi ariosi, a voler ancora una volta confermato quanto da me scritto sopra. Il prodotto nel suo insieme è valido, le canzoni sono lunghe (l’intero full lenght dura un’ora) ma mai noiose o ripetitive, l’uso degli strumenti è ben ponderato e numerosi sono gli stacchi atmosferici. Un plauso particolare va alla voce, unico legame col depressive black metal, che crea un senso di disagio non indifferente con i suoi urli lancinanti e lontani, veramente ottima. Per essere un debutto siamo sopra la media, le idee ci sono e sono anche ben realizzate, solo bisognerebbe porre l’accento sulla parte più oscura della band, quella ben rappresentata visivamente ma poco musicalmente. Se infatti la musica è black metal al 100%, il senso di disagio e dolore che la band vorrebbe comunicare viene pian piano messo in secondo piano (sempre musicalmente parlando) e la mia impressione è che ci si trovi di fronte ad un suicidio mancato, a qualcuno che stia scrivendo le proprie memorie, ricche di sofferenze, ma che è passato oltre la morte, che non l’ha mai abbracciata veramente. Questo giudizio è ovviamente puramente personale e non vuole sminuire quanto di buono fatto dai nostrani Angor Animi. Dategli una chance, non rimarrete delusi.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleGjenferdsel – I
Next articleHaïr – Oeil Pour Oeil, Dent Pour Dent
angor-animi-cyclothymiaTRACKLIST <br> 1. Prelude to an End; 2. Everlasting Lethargy; 3. After Years of Broken Dreams; 4. Melanchomania; 5. Cleithrophobia; 6. Longing My Life Away; 7. Cyclothymia; 8. Self-Deception; 9. No Way Out(ro) <br> DURATA: 60 min. <br> ETICHETTA: Talheim Records <br> ANNO: 2017