Chaos Luciferi

0
973

Chaos Luciferi è una one man band veneta (di Venezia per la precisione), che ha esordito quest’anno con la breve demo autoprodotta “La Rivolta Dei Dannati”, disponibile in formato digitale dallo scorso gennaio: due canzoni di classico old school black metal profondamente radicato negli anni novanta. Poiché siamo sempre molto attenti agli sviluppi della scena underground (nostrana e non solo) abbiamo colto l’occasione per andare a scambiare quattro chiacchere con l’omonimo factotum di questo progetto solista, per tentare di capire qualcosa di più sul concept di questa nuova realtà tricolore e sulla direzione musicale che potrà prendere. Buona lettura!

Per prima cosa, iniziamo subito col parlare della demo “La Rivolta Dei Dannati”, uscita nel 2021, quindi fresca di stampa. Che tipo di liriche si celano dietro a questo lavoro?

Dietro ai testi della demo “La Rivolta Dei Dannati” non si cela altro che il racconto fantasy di una guerra tra il popolo, represso e utilizzato dalle grandi potenze e dal governo, contro lo stesso governo da cui viene represso; è un concept che ho elaborato pensando proprio a quello che sta accadendo al nostro paese e a tutte quelle persone che vorrebbero rivoltarsi contro questo sistema politico. Bene, io non ho fatto altro che trasportare questo tema nella Venezia del 1500, con le anime dei dannati sepolti a Poveglia a riprendersi la loro amata Venezia liberandola da coloro che la governavano, per dimostrare che pure le anime più dannate da una epidemia come la peste (in realtà l’isola di Poveglia fu adibita a lazzaretto solo verso la fine del 1700, ndr) possono lottare e vincere contro un governo che non rende onore e giustizia al popolo.

Un concept che si lega però anche a tematiche occulte: c’è un tempo e un luogo che sceglieresti come particolarmente indicativi per gli studi esoterici? Quando si libererà il caos di Lucifero?

Un tempo che andrei a scegliere sicuramente sarebbe il 1400/1500, e il luogo probabilmente sarebbe sempre la mia amata Venezia, dove una volta era custodita una grandissima libreria di testi esoterici e occulti (in effetti il primo nucleo della biblioteca marciana risale al 1468, ndr). Per quanto riguarda il risveglio del Chaos non ti so rispondere, per questa domanda bisognerà attendere una risposta che forse arriverà pure a breve…non si sa…

La cover della demo è molto esplicita e diretta: Chaos Luciferi veicola anche un messaggio anticristiano o anticlericale?

L’intento principale che ho con il mio progetto Chaos Luciferi non è altro che prendere alcune leggende tipiche della mia laguna o della mia regione, che sono spesso farcite da un forte credo e da grande adorazione verso la chiesa, e disfarle completamente, attraverso il racconto delle stesse ma dal punto di vista del chaos e del maligno, per trattare certe tematiche attuali, o comunque con l’intento di far passare un messaggio “positivo”, attaccandoil bigottismo passato e odierno dialcune fedi e culture, visto erroneamente come il bene assoluto.

Pensi che questo genere di immagini o simbologie possa ancora essere considerato scioccante?

Io penso che ormai alla maggior parte della popolazione i simboli anticristiani non facciano nessun effetto (se non ai bigotti o credenti vari); l’importante è portare avanti una certa filosofia con la quale prendere le distanze e distinguersi dalla tossicità maligna dei perbenisti.

So che stai lavorando a del nuovo materiale. Le sonorità rimarranno sempre sulla stessa linea della musica proposta in “La Rivolta Dei Dannati” oppure il progetto andrà a sconfinare in altre sonorità, magari più sperimentali?

Sì, sto attualmente lavorando ad un ep e pure a diversi singoli che a breve verranno rilasciati,e musicalmente sarà tutto diverso, avrà un suono più moderno ed evocativo e forse (perché no?) pure sperimentale. Non mi sto ponendo dei limiti compositivi.Per questi nuovi brani sto cercando di comporre nel modo più libero possibile, cercando ispirazione ovunque, al contrario di come è stato per questa demo, che è un super omaggio a quelli che sono stati gli anni novanta nel black metal.

“La Rivolta Dei Dannati”: quando si attuerà questa grande rielaborazione del mondo?

Questa rivoluzione si potrà fare solo quando tutti i “dannati” o comunque gli oppressi di questo mondo si vorranno svegliare dal loro silenzio, ma questa è una cosa a cui io di certo non posso interessarmi; io devo solo raccontare tramite le arti oscure passate e odierne ciò che sta accadendo in questo mondo.