Skoll – Misty Woods

0
1252

Attivi ormai da più di un decennio, tornano sulla scena i nostrani Skoll, con un album che comprende brani composti in un periodo che va dal 1999 al 2005. Questa volta M. (The True Endless, Opera IX, Darkness, The Blessed Hellbrigade, etc…), leader assoluto del progetto che si avvale per l’occasione della collaborazione di diversi guest, dà libero sfogo al lato più intimista e riflessivo della sua vena creativa, abbandonando il pagan black metal delle origini per un lavoro interamente folk (attitudine che la band aveva già comunque dimostrato di possedere nelle precedenti releases, seppur in un contesto musicale completamente differente). Chitarre acustiche, violini, celli e percussioni creano un tappeto sonoro tenue, sognante e malinconico, sul quale si staglia il cantato in clean di M., avvolgente ed evocativo, a tratti ben supportato da female vocals nei chorus, eteree ma mai lamentose. L’atmosfera è colma di tristezza e rimpianto per un’epoca aurea mitizzata e probabilmente mai esistita: la musica di questo disco dipinge con efficacia paesaggi boschivi, antichi rituali misterici, danze propiziatorie attorno a un fuoco, e dà voce ad un sentimento di immedesimazione con le forze ancestrali della Natura che l’uomo moderno ha sicuramente dimenticato. In questo contesto trova spazio anche la gironda, strumento tradizionale dal suono secco e ovattato, protagonista del pezzo conclusivo. Per certi versi “Misty Woods” mi ha riportato alla mente i Finntroll di “Visor Om Slutet”, anche se i nostri solo in un episodio (“The Dance”) si lasciano andare ai ritmi frenetici del folk più gioiso e festaiolo. Altri accostamenti calzanti si potrebbero fare con i Borknagar di “Origin” e, per quanto riguarda il feeling mistico e oscuro, con gli Ulver di “Kveldssanger”, ma si può affermare che un’opera di questo genere non ha termini di paragone nella scena italiana. Una scelta coraggiosa che premia gli Skoll; un album da centellinare come un buon vino, pur nella sua breve durata.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleThe Tombers – Until You Are Dead
Next articleThodde – Dark Mount Inside
TRACKLIST <br> 1. Enter The Woods; 2. Mist; 3. Shores Of Sorrow; 4. Mermaid's Song; 5. I; 6. The Dance; 7. Wyrd; 8. Desolate Notes; 9. Wind <br> DURATA: 32 min. <br> ETICHETTA: Occultum Promotion <br> ANNO: 2008skoll-misty-woods