Order Of Nosferat / Lunar Spells – Shadowrealm Incantations

0
555

Diciamoci la verità, un po’ tutti avevamo nostalgia degli Order Of Nosferat, considerato che non pubblicavano nulla di nuovo da ben sei mesi. Alla quinta uscita ufficiale in due anni e mezzo, puntuale come un orologio svizzero, il combo formato dal mastermind Revenant e dal suo fido compagno di scorribande Anzillu questa volta opta per il formato split con i compagni di merende Lunar Spells, giusto per dividersi i compiti nel tirare avanti la baracca del black metal a sfondo vampiresco. Il primo pensiero, una volta preso in mano il disco, è: quale innovazione queste band potranno aver portato al loro sound? E ovviamente la risposta è: nessuna! Ci si chiede che obiettiva utilità possa avere un lavoro del genere: presenzialismo? rispetto di obblighi contrattuali? probabilmente qualcosa di simile perché veramente, soprattutto per quanto riguarda gli Order Of Nosferat, la struttura dei pezzi, la disposizione degli stessi e l’atmosfera generale sono totalmente identiche a quanto abbiamo potuto ascoltare nei precedenti lavori.

L’alternarsi di pezzi dungeon synth e brani raw black metal che spaziano dal mid all’up tempo, senza mai eccedere in velocità, è un must del gruppo e pure questa volta viene riproposto in maniera minuziosa ma le canzoni, pur non brutte, nulla possono lasciare a chi già conosce la band. Da segnalare l’opener “To The Mountains Of Wallachia”, che riesce ad avere un minimo di personalità in più, e la strumentale “Melodies Echo From The Abandoned Castle”, anche se si trascina un po’ stancamente sino alla sua fine in maniera ripetitiva e prolissa.

Se gli Order Of Nosferat non riescono ad impressionarci con la loro ennesima release, i greci Lunar Spells fanno altrettanto, tenendo novità e personalità ben lontane da questo lavoro e vomitandoci in faccia quindici minuti di puro e violento black metal tirato al massimo, con radici lontane dall’Attica e piantate invece in lidi nord europei, soprattutto grazie a quelle melodie sinistre che solo la scuola finlandese (o tedesca) riescono ad offrirci. Il riffing ossessivo, la distorsione zanzarosa e la voce fulminata creano un continuum con la proposta degli Order Of Nosferat, dai quali i Lunar Spells si differenziano per la maggiore velocità e un uso esasperato del blast beat.

I tre pezzi qui proposti, che suonano uguali tra loro sia nella parte strumentale che nelle linee vocali (un’impresa distinguerli ma in fondo va bene così) sono un vero e proprio assalto frontale di black metal ottuso e ignorante ma dal tocco melodico, senza barlume di luce, più violento di mezzo litro di grappa a stomaco vuoto. La prestazione dei gruppi è formalmente impeccabile sotto tutti i punti di vista ed entrambi condividono il mastering finale, con suoni sporchi e vigliacchi dal piglio vintage (inutile avere produzioni triggerate o con volumi esasperati quando tutto è basilare e si bada al sodo).

Quando ti confronti con lavori simili i giudizi possono essere discordanti soprattutto quando una band fa uscire già due dischi all’anno (per i Lunar Spells la media è di “solo” uno) e viene difficile essere obiettivi. A noi questo split, al netto di tutto, ha trasmesso veramente poco per quanto abbiamo scritto ma è innegabile che il prodotto in sé rimanga discreto e un buon mezzo per conoscere queste due realtà qualora non ci fosse stata l’occasione in precedenza. Altrimenti è sinceramente evitabile.

REVIEW OVERVIEW
Voto
60 %
Previous articleMarduk – Memento Mori
Next articleUnholy Prophet – Summoning The Black Spirits
order-of-nosferat-lunar-spells-shadowrealm-incantationsTRACKLIST <br> Order Of Nosferat 1. To The Mountains Of Wallachia; 2. Whispers From The Crypts; 3. Scars Of Nocturnal Terrors; 4. Melodies Echo From The Abandoned Castle; 5. Bloodthirst And Morbid Lust; Lunar Spells 6. Intro; 7. Beholding The Summoners Of Winterfall; 8. Wounds Of Forgotten Daylight; 9. Malefic Incarnation <br> DURATA: 42 min. <br> ETICHETTA: Northern Silence Productions <br> ANNO: 2023