Orcrist – Black Blood Raised

0
1581

Questo è il terzo album degli italiani Orcrist, band che pare vantare amicizie importanti in terra norvegese. Il genere proposto è raw black metal nudo e crudo, influenzato fortemente dai DarkThrone, ma anche, in alcune cavalcate come “Nightconqueror”, dal viking più primordiale e scevro da facili melodie. Il disco trasuda odio, le chitarre sono zanzarose al punto giusto, la batteria compie il suo dovere, il cantante è un demone… tutto sembra essere perfetto. “Troppo” perfetto, al punto da suonare falso alle mie orecchie! Con questa frase, probabilmente, mi attirerò le ire di molti, ma sono abituato a dire esattamente ciò che penso. E non tratto bene un gruppo solo perché italiano o perché vanta conoscenze importanti. Con questo non voglio dire che il disco, in sé, sia orribile. Il problema è che esistono centinaia e centinaia di gruppi simili che propongono, in modo anche migliore, lo stesso tipo di sound. L’unica canzone che mi ha dato la sensazione di essere stata scritta col cuore è la conclusiva “Mark of Hate”. Mi spiace sinceramente stroncare il lavoro di un gruppo italiano, ma non sarei corretto verso me stesso e verso chi legge se facessi il contrario.

REVIEW OVERVIEW
Voto
50 %
Previous articleThe Ruins Of Beverast – Rain Upon The Impure
Next articleSear Bliss – The Arcane Odyssey
orcrist-black-blood-raisedTRACKLIST <br> 1. Orcrist; 2. Nightconqueror; 3. Black Blood Raised; 4. Mortal Communion; 5. Misanthrope; 6. Mark of Hate <br> DURATA: 24 min. <br> Etichetta: Warlord Records / Hearse Records <br> ANNO: 2006