Cimitero – Lazaret Of The Abyss

0
1012

I Cimitero sono una band comasca, formatasi nel 2008 per volontà di Frank Wells e Moonbeam, rispettivamente membri di Mortal Fungus e Sejtane, qui impegnati al basso, alla chitarra ed alle voci. “Lazaret Of The Abyss” rappresenta l’esordio assoluto per il gruppo nostrano ed è in sostanza un omaggio alla scena death metal più ortodossa e tradizionale, che visse il suo momento di massimo splendore tra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei novanta. La proposta musicale dei nostri è old school fino al midollo sotto ogni profilo: composizione, esecuzione, registrazione, attitudine, artwork. Questo per alcuni potrebbe costituire un limite, per altri un indiscusso pregio: resta il fatto che il disco in questione va analizzato nella giusta dimensione, senza pretese di particolare originalità o sperimentalismi vari. Ed in quest’ottica possiamo dire di trovarci di fronte ad un lavoro genuino, suonato con passione e dedizione, che chiama in causa, tra le sue principali influenze, gruppi come Massacre, Autopsy, Bolt Thrower e, soprattutto, primi Death, quelli degli indimenticati capolavori “Scream Bloody Gore” e “Leprosy”, dischi verso i quali i Cimitero sembrano nutrire una sorta di maniacale venerazione. Il fantasma del compianto Chuck Schuldiner aleggia sulle tracce di questo album come una presenza illuminante ma, a volte, troppo ingombrante. I pezzi scorrono veloci, senza particolari sussulti ma pure senza clamorose cadute di tono, tra riff lineari ed essenziali non sempre efficaci, qualche assolo al fulmicotone dal sapore quasi slayeriano, e cambi di tempo ed atmosfera orchestrati da una sezione ritmica che ha nel suono troppo ovattato della batteria il suo maggiore punto debole. La produzione è scarna e senza orpelli e mette ben in evidenza le linee di chitarra, vera protagonista di questa release. Discreto il cantato, che vede l’alternanza tra uno screaming canonico ed un growling profondo e gutturale. Se volete ascoltare un lavoro onesto, legato a doppio filo alla vecchia scuola death metal più brutale e meno melodica, date tranquillamente una possibilità a questo disco, senza riporvi però troppe aspettative.

REVIEW OVERVIEW
Voto
60 %
Previous articleHell United – Aura Damage
Next articleCatuvolcus – Gergovia
TRACKLIST <br> 1. Necropolis; 2. Death And Putrefaction; 3. Cult Of The Saints; 4. Hallucinating Agony; 5. Lazaret Of The Abyss; 6. Under The Tombstone; 7. Ritual Incineration; 8. Souls Of The Dead <br> DURATA: 28 min. <br> ETICHETTA: Gentle Exhuming Records <br> ANNO: 2010cimitero-lazaret-of-the-abyss