Hell United – Aura Damage

0
454

Secondo full length per gli Hell United, quartetto proveniente dalla Polonia, che ha al suo attivo un paio di ep e l’album di esordio, “Hornocracy”, pubblicato nel 2008. I nostri si fanno fieri portabandiera di un satanic death metal dalle venature black, sulla scia dei loro ben più famosi conterranei Behemoth e di altre bands come Arkhon Infaustus, Ofermod ed ultimi Deathspell Omega, dai quali traggono soprattutto alcune strutture criptiche e contorte. La musica degli Hell United è furiosa e violenta e fa della brutalità e dell’assalto all’arma bianca i suoi incondizionati punti di forza – esaltati da una produzione pulita e potente – senza tuttavia trascurare la tecnica esecutiva, che è anzi ben in evidenza. Purtroppo la personalità latita ed il gruppo si limita sostanzialmente ad omaggiare i propri numi tutelari, anche se si tratta di un omaggio ben confezionato e formalmente apprezzabile. Il riffing è serrato e caotico ma non mancano passaggi più ragionati ed addirittura momenti rallentati quasi doom oriented; la sezione ritmica è puntuale, chirurgica ed incredibilmente devastante; il cantato è un rantolo belluino, in bilico tra screaming tagliente e growling profondo, e marchia a fuoco i pezzi imprimendo agli stessi un piglio davvero malefico e bestiale. Canzoni come la title track o “Deathlike Cold” potranno piacere a quanti seguono i gruppi sopra citati così come agli amanti del più classico death metal alla Morbid Angel. Questo disco merita senz’altro un ascolto durante il quale però la sensazione di già (più volte) sentito avrà la prevalenza: un ottimo involucro con una sostanza che si manifesta soltanto in modo sporadico.