Horned Almighty – Black Metal Jesus

0
1317

L’uscita nel 2005 in versione LP dell’esordio sulla lunga distanza degli Horned Almighty mi fornisce l’occasione di spendere due parole su questa putrida perla di sanguinolento e marcio black metal che rischiava diversamente di passare inosservata. I nostri provengono dalla Danimarca, terra che per la verità non ha una grande tradizione in ambito black, e furono già autori di un interssante split cd in compagnia dei finlandesi Sargeist. La proposta di questo infernale trio é un black estremamente semplice e lineare, fast e raw nel vero senso del termine, che vede negli ultimi Carpathian Forest, e forse ancora di più nel progetto solista di Nattefrost, così come negli Impaled Nazarene più schizzati e malati degli inizi i propri punti di riferimento compositivi. Ho sempre amato questo genere di bands assolutamente esagerate, trucide, maleducate e tamarre ed é ovvio che anche la proposta degli Horned Almighty abbia incontrato i miei gusti. Songs brevi, veloci e bastarde, sporcate di punk e thrash, con riffs assassini e groovy in pieno Motorhead-style, la batteria che fa tu-pa tu-pa tu-pa per l’intera durata del disco ed un feeling alla Sodom prima maniera meravigliosamente ignorante e grezzo: insomma attitudine allo stato puro, l’ideale per spaccarsi le ossa dal vivo. Decisamente sui generis invece la conclusiva “Complete Utter Darkness”, con i suoi ritmi trascinati e fangosi e le sue atmosfere sulfuree, ma comunque efficace e ben riuscita. Tutti gli amanti delle schifezze sonore sopra descritte corrano a procurarsi questo piccolo gioiello, gli altri ne stiano accuratamente alla larga.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleCountess – Heilig Vuur
Next articleInsonus – Nemo Optavit Vivere
horned-almighty-black-metal-jesusTRACKLIST <br> 1. Intro:Praedictum; 2. Satanic Fatherland; 3. Terror Soul; 4. Carnival Of Dead People; 5. Black Metal Jesus; 6. Desecrate The World; 7. Exit Planet Earth; 8. Horned Redemption; 9. Complete Utter Darkness <br> DURATA: 33 min. <br> ETICHETTA: Infernus Rex <br> ANNO: 2004