Insonus – Nemo Optavit Vivere

0
1047

Ep d’esordio per i nostrani Insonus, questo “Nemo Optavit Vivere” è un lavoro piuttosto interessante e piacevole, pur nel suo essere assolutamente fedele a certi canoni stilistici ben noti al fruitore medio di metallo nero. Raw black metal è infatti quello che ci propone questo duo italiano formato da Raven ed Acheron, con sonorità che spesso e volentieri sconfinano in territori vicini al depressive più lancinante e cupo (ascoltare per credere la lunga e disperata “Bury Me”, a mio giudizio l’episodio migliore del lotto), mettendo in evidenza un debito a livello di ispirazione ed influenze nei confronti di gruppi come Niktalgia, primi Shining e Silencer: e non credo sia un caso dal momento che Acheron è membro anche dei L.A.C.K., una delle nuove realtà più promettenti della scena depressive tricolore. La prova musicale offerta dai nostri risulta comunque sufficientemente varia poiché non mancano momenti più aggressivi e taglienti (l’iniziale “The Solution”) e neppure spazi ambientali e meditativi (la conclusiva “Life Hurts A Lot More Than Death…”), anche se l’aura oppressiva e nichilista è sempre presente ed aleggia come un manto funebre su tutte le composizioni. Gli Insonus, in questo loro debutto, suonano tutt’altro che originali ma dimostrano di avere attitudine da vendere e riescono efficacemente a condensare diverse sfumature di odio e negatività in poco più di mezz’ora di musica dignitosa, centrando quello che probabilmente era il loro obiettivo. Promossi.