Moonlight Sorcery – Horned Lord Of The Thorned Castle

0
653

Diciamo la verità, quando vediamo una copertina che raffigura un oscuro castello, una torre o simili, il pensiero corre inevitabilmente al seminale “In The Nightside Eclipse” degli Emperor, e nel caso dei Moonlight Sorcery l’accostamento si rivelerebbe abbastanza azzeccato non solo dal punto di vista iconografico ma anche da quello musicale. Il trio finlandese è in giro dal 2018 e dopo aver pubblicato due promettenti ep, “Piercing Through The Frozen Eternity” e “Nightwind: The Conqueror From The Stars”, entrambi nel 2022, approda ora al debutto sulla lunga distanza con questo “Horned Lord Of The Thorned Castle”, fuori per la nostrana Avantgarde Music. Chi già conosceva la band non potrà rimanere più di tanto stupito da questo album, che sotto il profilo stilistico si pone lungo una linea di assoluta continuità con le uscite che l’hanno preceduto, consentendo al tempo stesso alla band di esprimersi su un minutaggio più corposo, dando così maggior sfogo alle diverse sfumature della propria proposta.

I nostri amici infatti si muovono seguendo fondamentalmente il sentiero del black metal di scuola finnica che potremmo definire in senso lato di matrice sinfonica, sulla scia di gruppi come Vargrav e Mooncitadel tanto per fare un paio di nomi, ma lo fanno con un piglio melodico piuttosto accentuato che in qualche frangente sembra perfino avvicinarli a certe vaghe reminiscenze power, anche per alcune linee chitarristiche dal sapore più classicamente metal, benché l’atmosfera resti quella cupa, notturna e invernale che in prima battuta me li ha fatti accostare a Samoth e compagni, solo leggermente diluita con qualche accento epic-fantasy-medievaleggiante un po’ alla Bal-Sagoth. Questo particolare approccio d’insieme non si traduce forse ancora in un marchio di fabbrica immediatamente riconoscibile (questo le vedremo probabilmente con i prossimi album) ma di sicuro conferisce alla musica dei Moonlight Sorcery una certa specificità, il che è un bene soprattutto per una band che in sostanza sta ancora muovendo i primi passi in una scena come quella finlandese, sicuramente sovraffollata ma anche caratterizzata da un livello qualitativo mediamente abbastanza alto.

Per il resto le sottolineature tastieristiche, le cascate di blast beats e i riff glaciali sono al loro posto, esattamente lì dove devono essere, così come le urla acute di Antti “Ruttomieli” Mikkolainen, che ha uno screaming abbastanza standard ma comunque efficace nell’adattarsi alle melodie e nell’enfatizzare i passaggi emotivi e i cambi d’umore che costellano i pezzi. In definitiva, se amate questo particolare filone qui troverete pane per i vostri denti, e specialmente se avete apprezzato un lavoro come “Tales Of Othertime” degli statunitensi Stormkeep, il consiglio è quello di dare una possibilità a questo “Horned Lord Of The Thorned Castle” perché non ne resterete delusi.

REVIEW OVERVIEW
Voto
70 %
Previous articleHån – Conquering Magnificent Halls
Next articleThe Watcher – Kaosaura
moonlight-sorcery-horned-lord-of-the-thorned-castleTRACKLIST <br> 1. To Withhold The Day; 2. In Coldest Embrace; 3. The Secret Of Streaming Blood; 4. Yönsilmä; 5. Vihan Verhon Takaa; 6. The Moonlit Dance Of The Twisted Jester’s Blood-soaked Rituals; 7. Fire Burns The Horizon; 8. Into The Silvery Shadows Of Night; 9. Suden Tie (Wolven Hour part II) <br> DURATA: 44 min. <br> ETICHETTA: Avantgarde Music <br> ANNO: 2023