The Watcher – Kaosaura

0
423

Quattro anni ci sono voluti per vedere pubblicato in forma fisica il debutto dei The Watcher, combo finlandese che vede tra le sue fila membri di Riivaus, Rodent Epoch, Licht Des Urteils, Sacrificium Carmen e Nôidva; insomma non gente alle prime armi. La Spread Evil Productions ci ha visto lungo in quanto “Kaosaura” anche all’epoca della sua pubblicazione in formato digitale fece ben parlare di sé, grazie a un mix di black/death metal con radici ben piantate nella vecchia scuola ma in grado di sperimentare soluzioni differenti, riconducibili ai primi Vinterland, Aosoth o Deathspell Omega, con la costante interferenza di sonorità più familiari al death metal (specialmente svedese), pur lasciando ampio spazio agli sprazzi melodici delle chitarre. La band quindi sembra prendere le distanze dal tipico sound finlandese, cercando soluzioni alternative ma pur sempre appetibili per chi ama questo genere di sonorità.

E tuttavia, pur dimostrandosi capace di gestire le varie dinamiche tra cambi tempo drammatici, martellamenti e riff ossessivi, tende sporadicamente a perdere il focus del disco, che rischia di apparire come qualcosa di parzialmente incompiuto, con ottimi propositi che danno l’impressione di non essere forse stati concretizzati al meglio. Si passa dal sound più rock oriented di “Pratyeka Satanist” e “Alter Lux” alle melodie oscure e perfino orecchiabili di “Diva Of Divinity”, dando la possibilità anche ai più oltranzisti ascoltatori di black metal senza contaminazioni di trovare questo prodotto interessante soprattutto grazie alla conclusiva “Rebellion Geometry” o alla violentissima “Luciferian Nirvana”, che sembra realmente il parto di una band svedese. A completare questo quadretto oscuro vi sono liriche di assoluto interesse che, come si può intuire dai titoli, fondono con gran facilità in un connubio spaziale blasfemia luciferina e riflessioni filosofiche a sfondo buddista.

“Kaosaura” risulta un disco abbastanza atipico nel suo insieme, pur restando ovviamente nella macro categoria del metal estremo (e non poteva essere diversamente, vista la provenienza dei componenti della band), e ciò emerge, oltre che dalla struttura dei pezzi, anche dalla produzione finale, con un suono di basso in bella evidenza, robusto e rotondo, e le vocals di Medithateon in prima linea, che tuttavia sono un po’ il punto debole del lavoro: spesso forzate e prive di dinamica, non riescono a incidere e a dare un valore aggiunto (cosa che si poteva forse evitare con qualche effetto in più). I The Watcher esordiscono quindi con un lavoro dalle varie sfaccettature, che si lascia anche apprezzare ascolto dopo ascolto ma che viene parzialmente minato da una produzione nel complesso non proprio all’altezza e da un mix di idee per ora un po’ confuse, che potrebbe risultare vincente nel tempo quando il gruppo le farà fluire in maniera più nitida e ordinata.

REVIEW OVERVIEW
Voto
69 %
Previous articleMoonlight Sorcery – Horned Lord Of The Thorned Castle
Next articleAugur – Omen
the-watcher-kaosauraTRACKLIST <br> 1. Introduction; 2. Guru Of Hate Yoga; 3. Diva Of Divinity; 4. Scepticism Of Demonic Soul; 5. Luciferian Nirvana; 6. Alter Lux; 7. Pratyeka Satanist; 8. Cosmos Ablaze; 9. Rebellion Geometry <br> DURATA: 38 min. <br> ETICHETTA: Spread Evil Productions <br> ANNO: 2023