Lifvsleda – Evangelii Härold

0
274

Ci eravamo già occupati sulle nostre pagine virtuali dei Lifvsleda in occasione dell’uscita del full length d’esordio “Det Besegrade Lifvet” nel 2020, un album nel complesso ancora molto legato alla vecchia scuola, che tuttavia lasciava già intravedere una band con ampi margini di miglioramento, sia sotto il profilo del songwriting che dell’esecuzione. La misteriosa entità svedese (non si sa chi ne siano i membri) con il presente “Evangelii Härold”, non tradisce le aspettative che si erano venute a creare: questa terza fatica sulla lunga distanza, che esce per la rinomata Norma Evangelium Diaboli, segna infatti un’evidente evoluzione stilistica, avvicinando il combo per molti aspetti al filone religious black metal e al caratteristico sound della scuderia dell’etichetta transalpina. I nostri amici si concentrano su riff taglienti, sicuramente tradizionali ma concepiti con classe e con un acuto senso della melodia, ovviamente di quella più sinistra e malinconica. Ciò che distingue l’album e lo rende a suo modo peculiare è il distinto stile delle percussioni, inquadrabile come una sorta di sofisticato mix tra soluzioni canonicamente black metal anni novanta ed un approccio più imponente e marziale (ed è sufficiente ascoltare l’opener “Det Perfekta Sinnet” o anche “Trämålningen”, peraltro tra i migliori episodi del lotto, per rendersene conto): l’uso costante del riverbero amplifica questo effetto e crea un paesaggio sonoro denso e atmosferico.

Il quadro è completato da uno screaming sofferto e disumano, lacerante, a tratti burzumiano, certamente molto espressivo: una timbrica che si sposa alla perfezione con le sonorità proposte e il concept della band ed esalta l’aura distintiva della musica. “Evangelii Härold” segna quindi un cambiamento almeno parziale, tuttavia naturale e non forzato, nel sound dei Lifvsleda, portando a completa maturazione i semi gettati nel primo album e seguendo un percorso intrapreso già nel successivo “Sepulkral Dedikation” del 2022. Scavando a fondo nel nucleo e nelle origini del genere, così come lo conosciamo oggi nella sua declinazione “true” di scuola “scandinava”, la band ha affinato le strutture musicali e le composizioni, ponendosi nel solco tracciato da realtà dall’approccio più moderno come Deathspell Omega, Funeral Mist, S.V.E.S.T., Malign e, se vogliamo, anche certi Mayhem gli ultimi Marduk, pur senza mai deragliare verso lidi eccessivamente e gratuitamente cervellotici e mantenendosi invece costantemente concentrata sulla creazione di atmosfere necrotiche e mortifere, come da tradizione.

E se nella prima parte del disco sembra avere il sopravvento questo piglio che potremmo definire “sperimentale”, con tutte le approssimazioni del caso, nella seconda parte torna invece maggiormente alla ribalta un sound più classico e retrò, il che conferisce all’opera nel suo insieme un equilibrio assai apprezzabile, che mette in mostra anche una certa fantasia in fase di scrittura. E così accanto a pezzi dall’andamento più spezzettato e bizzarro, come la cupissima title track o l’inquietante “Sönderfall”, che esalta la capacità della band di trovarsi completamente a proprio agio anche con ritmi lenti e strascicati, ne troviamo altri decisamente più “in your face” e perfino “easy”, come ad esempio “Bland Likbodar Och Vintergrafvar” o “Absolut Död”, che ci riportano indietro nel tempo, direttamente ai cari e tanto rimpianti anni novanta, che comunque l’ensemble svedese riesce a rivisitare con un gusto tutto suo. Tirando le somme possiamo dire che questo “Evangelii Härold” è veramente un lavoro ben concepito e realizzato: non indulge in soluzioni troppo “strane” ma nemmeno si adagia nel comodo alveo del puro e semplice revival dal sapore vintage e per questo, a mio parere, potrebbe piacere a molti.

REVIEW OVERVIEW
Voto
74 %
Previous articleMeister Leonhardt – Thanatopoeia
Next articleKerasfóra – Six Nights Beyond The Serpent’s Threshold
lifvsleda-evangelii-haroldTRACKLIST <br> 1. Det Perfekta Sinnet; 2. Sönderfall; 3. Evangelii Härold; 4. Griftefärd; 5. Trämålningen; 6. Bland Likbodar Och Vintergrafvar; 7. Absolut Död; 8. Helige Död <br> DURATA: 46 min. <br> ETICHETTA: Norma Evangelium Diaboli <br> ANNO: 2024