Black Spells – Trascend To Ascend

0
579

Sono tempi duri per i metallari più nostalgici, ultimamente escono molti lavori che cercano di tirare fuori un briciolo di originalità e finiscono per proporre suoni e un concept che poco o nulla hanno a che vedere con il sound nudo e crudo delle origini che in molti, e almeno io personalmente, cercano. Non è il caso di questo lavoro dei Black Spells, ep di debutto di questo power trio proveniente da Los Angeles e formato da personaggi attivissimi nell’underground locale (davvero impressionante è l’elenco delle collaborazioni del batterista Plaguehammer ma anche gli altri due membri, ovvero il chitarrista Nithroth e il cantante Black Priest Of The Goat, non sono certo da meno). “Trascend To Ascend” è un lavoro nudo, grezzo e crudo come piace a noi, che va a pescare e piene mani dalla tradizione senza fronzoli della così detta “seconda ondata”, con qualche elemento death metal a fare da contorno (nel tono generale, nell’aggressività delle composizioni e in una certa tecnica di fondo) e pure qualche occasionale sortita in territori più vicini al thrash e all’heavy metal. La band ci regala sette tracce facili e veloci che esprimono perfettamente il genere, tra chitarre cupe ma a volume alto, un basso sepolcrale, una batteria secca e primitiva e le classiche urla infernali.

Registrazione di qualità media ma che non sfigura nell’insieme in quanto la produzione rende bene il mix finale di tutti gli strumenti e il suono complessivo esalta l’immediatezza del disco, che rappresenta il punto di forza di questo lavoro. Intendiamoci, non ci troviamo di fronte ad un capolavoro ma a una release credibile che merita la dovuta attenzione, uno di quei lavori che sembrano provenire direttamente dagli anni novanta e che potrebbero ritagliarsi il loro spazio come uscita “di culto” nel gran calderone dell’underground.

Tra le tracce più interessanti citerei sicuramente la title track mentre notevole, soprattutto per l’impatto, è anche l’opener “Hails To The Infernal Kult”, dove l’immaginario legato black nordico è più palpabile e molto piacevole. Nel complesso un lavoro curato al punto giusto, che si guadagna qualche ascolto e che forse ha molto più da dare (e da dire) di tante releases troppo pretenziose che affollano il panorama estremo. Grafica interessante, anche se avrei apprezzato qualcosa di ancora più grezzo e in linea con il genere proposto.

REVIEW OVERVIEW
Voto
68 %
Previous articleVargrav – Encircle The Spectral Dimension 
Next articleOutlaw – Reaching Beyond Assiah
black-spells-trascend-to-ascendTRACKLIST <br> 1. Intro; 2. Hails To The Infernal Kult; 3. Burning Forever In The Pentagram!; 4. Transcend To Ascend; 5. Under The Devil's Hooves; 6. Sign Of The Horns Of Hell; 7. Sign Of The Antichrist <br> DURATA: 29 min. <br> ETICHETTA: Independent <br> ANNO: 2023